Riù. Oltre la solitudine

RIU’. OLTRE LA SOLITUDINE

Autore

Laureata presso l’università di Bari in Scienze naturali con indirizzo biologico, Ilaria Orlando si è specializzata in conservazione della natura e delle sue risorse, con particolare focus sull’ecologia alimentare dei carnivori in natura. Ha lavorato con l’Università di Roma La sapienza presso il Dipartimento di biologia animale e dell’uomo, sotto la guida di Luigi Boitani, nel progetto di salvaguardia e conservazione del lupo realizzato nel Parco nazionale del Pollino. Ha proseguito le attività nei parchi naturali e nazionali italiani, con progetti di monitoraggio degli ungulati e carnivori. Dal 2005 ha poi intrapreso il percorso professionale con lo Zoosafari di Fasano (Br) come zoologa, dedicandosi allo sviluppo di tutte le attività di didattica e ricerca. Ad oggi è impegnata nel settore farmaceutico umano, ma mantiene anche il suo ruolo di zoologa all’interno dello Zoosafari, per gestire le attività di ricerca dedicate alla cura e al benessere del gorilla Riù.

Opera

Nato in cattività, orfano della madre naturale, allevato come un figlio da una mamma umana, Riù ne viene poi distaccato e cresce in una struttura dedicata solo perché considerato aggressivo e potenzialmente pericoloso per le sue dimensioni imponenti, la sua forza sovrumana e i suoi imprevedibili scoppi di collera. Ma la vera prigione in cui si trova rinchiuso Riù non è quella materiale, è la gabbia invisibile che lo separa dall’ambiente e dal mondo dei viventi. Solo la sensibilità e la tenacia eccezionali d’un piccolo nucleo di ricercatrici riuscirà, rimodulando le sue facoltà cognitive, a pacificarlo con lo spazio, il tempo e gli esseri umani, restituendogli così il massimo di benessere compatibile con la sua condizione, la sua storia, la sua vita. Un’esperienza straordinaria, rara, se non unica, narrata dalla protagonista di questa avventura nello stile piano di un diario.

 Prezzo
€ 16.00

Collana
Così parlò la volpe

Pagine
175

Pubblicazione
Aprile 2021

Condividi su Facebook:

Epimedia

EPIMEDIA
Informazione e comunicazione nello spazio pandemico

Autore

Angelo Turco, geografo, africanista, è professore emerito all’Università IULM di Milano, dove è stato Prorettore vicario, Presidente della Fondazione IULM, Preside della Facoltà di Arti, Turismo e Mercati. I suoi ultimi libri: Immaginari migratori (2018, con Laye Camara); Geografie pubbliche. Le ragioni del territorio in dieci itinerari social (2020). È editorialista e commentatore politico di Juorno.itConfronti e di altre testate giornalistiche.

Opera

Epimedia è l’anagramma di epidemia. Un divertissement, ma anche una forma di vita secondo l’espressione di Wittgenstein: epimedia è la “nuova possibilità” della parola che indica la nostra condizione di vita oggi, quando essere-umani-sulla-terra, è vivere dentro lo spazio epidemico. La nostra apprensione fisica e mentale, la nostra paura, la nostra speranza: nulla di ciò che denota lo spazio epidemico, in realtà, scompare nella “nuova possibilità”, lo spazio epimediale, il territorio dell’informazione e della comunicazione. Nello spazio epimediale, il fatto diventa il suo racconto. Le storie frammentarie, incoerenti, dispersive, insomma il corpo delle notizie veicolate dai media, sono la Storia della malattia. Della velocità, dei ritmi, dell’intensità della sua diffusione planetaria. Della lotta per tenerla a bada e batterla, mettendo in campo – in combinazioni temerarie – tutte le risorse disponibili: mediche, intellettuali, economiche, tecnologiche, industriali, organizzative, politiche. Ma per capire queste due specie di spazi, le transazioni tra epidemia e epimedia, gli scambi tra fatti e narrazioni, dobbiamo andare oltre la scienza per intendere che spesso vale più la retorica di un persuasore che la credibilità di un ricercatore. Più la seduzione ideologica che la fiducia ispirata dalla competenza e dai numeri.

 Prezzo
€ 15.00

Collana
Studi e ricerche sul territorio

Pagine
209

Pubblicazione
Marzo 2021

LINK PAGINA FACEBOOK DELL’AUTORE

Condividi su Facebook:

Dinosauri, demoni, operai

DINOSAURI, DEMONI, OPERAI
Una storia culturale del sottosuolo tra scienza e letteratura 


Autore
Andrea Tenca (1991) ha studiato Tradizione ed interpretazione dei testi letterari e Scienze storiche presso l’Università di Verona. I suoi ambiti di interesse sono la storia culturale e la storia della scienza nell’Ottocento e nel primo Novecento, indagate soprattutto attraverso lo studio di fonti letterarie e divulgative. Questa è la sua prima opera.

Opera
Nel corso dell’Ottocento le discipline del mondo sotterraneo, come la geologia e la paleontologia, conoscono radicali cambi di paradigma. Il sottosuolo, con il suo retaggio simbolico e culturale, diviene il punto d’incontro tra un pensiero scientifico in lotta per presentare un mondo razionale da un lato e, dall’altro, un insieme d’interpretazioni appartenenti a teorie già sconfitte o a paradigmi ancora discussi. In particolare la geologia, fondata sul confronto e la datazione degli strati, afferma che la Terra ha nel sottosuolo una storia misurabile la cui durata, nei decenni seguenti, si dilata sempre di più. Più si discende il vortice della stratigrafia, più ci si avvicina a mondi antidiluviani percorsi da spaventose creature come i dinosauri oppure segnati da civiltà perdute. Questa discesa espone l’essere umano a tre incontri: con l’alterità naturale del passato; con un sentimento del soprannaturale che, nel secolo del positivismo, non è affatto scomparso; con le strutture sociali e produttive che hanno trasformato il sottosuolo in un immenso serbatoio di risorse industriali. Dinosauri, demoni, operai esplora questa materia attraverso la lettura di quei racconti fantastici e fantascientifici che, esaltando o criticando le scienze, svolsero il compito senza
precedenti di divulgarle e raccontarle.

 Prezzo
€ 23.00

Collana
MaelstrÖm – n. 1

Pagine
457

Pubblicazione
Ottobre 2020

Condividi su Facebook:

La maggioranza silenziosa della Controriforma

LA MAGGIORANZA SILENZIOSA DELLA CONTRORIFORMA
Il cardinale bergamasco Giovanni Girolamo Albani (1509-1591)


Autore
Lorenzo Comensoli Antonini insegna Storia del Cristianesimo all’Università di Tunisi ed è dottore di ricerca in storia moderna e studi storicoreligiosi in cotutela fra l’Università di Padova e la Sorbona. Ha pubblicato saggi sulla controversistica e la profezia nel Cinquecento e sulla genealogia della secolarizzazione. Attualmente si occupa di storia delle idee teologico-politiche fra XVI e XVII secolo.

Opera
Nella prima metà del Cinquecento la Chiesa di Roma dovette misurarsi anche in Italia con la contestazione protestante. In questa lotta, la fazione più intransigente si avvalse di quei membri dei ceti dirigenti che, per tradizione e interessi, rimasero fedeli al papato. A questa maggioranza silenziosa, meno studiata dalla storiografia rispetto alla costellazione eterodossa, appartenne il giurista bergamasco Giovanni Girolamo Albani. Nei suoi trattati, scritti alla vigilia della stagione tridentina, egli prospettò quella esorbitante potenza della curia romana che, decenni più tardi, Paolo Sarpi avvertirà come nefasto esito del Concilio. Pur guardando a Roma, però, Albani rimase a lungo un laico a servizio della Serenissima, per divenire cardinale in età avanzata, grazie al favore di Pio V. Laico e chierico, dunque, la biografia del quale rileva dinamiche e tratti salienti della vita sociale e religiosa del secolo XVI.

 Prezzo
€ 20.00

Collana
Storia lombarda

Pagine
286

Pubblicazione
Novembre 2020

Condividi su Facebook:

L’integrazione europea e l’opinione pubblica cattolica

L’INTEGRAZIONE EUROPEA E L’OPINIONE PUBBLICA CATTOLICA
Ambienti ecclesiali, circoli intellettuali e associazionismo alla vigilia dell’unione (1945-1954)


Autore
Luca Barbaini ha conseguito il Dottorato di ricerca in “Istituzioni, idee, movimenti politici nell’Europa contemporanea” presso l’Università di Pavia. Le sue ricerche si sono concentrate, in special modo, sulla formazione delle classi dirigenti cattoliche con particolare riferimento alle dinamiche associative e al dibattito culturale interno al mondo ecclesiale, nonché alle ragioni ideali e politiche che ne avevano contraddistinto la precoce sensibilità europeista. Fra le sue pubblicazioni si ricordano CattolicesimoModernitàEuropeismo in Lodovico Montini, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2013; Rinnovare la liturgia per riformare la Chiesa. Élite cattoliche a inizio Novecento, Milano, Guerini e Associati, 2020.

Opera
Il volume ripercorre le tappe salienti del dibattito sul processo di integrazione europea che aveva attraversato il mondo ecclesiale italiano, dal 1945 al 1954, attraverso le principali riviste cattoliche. Speciale attenzione è stata riservata alla stampa legata all’associazionismo ufficiale, dall’Azione Cattolica al Movimento Laureati, ai vari periodici a vocazione intellettuale e, in particolar modo, alle riviste che avevano visto la luce in questa fase grazie all’iniziativa di studiosi e accademici destinati a svolgere un ruolo di primo piano nel corso degli anni Cinquanta. Particolarmente interessante il caso della rivista bresciana «Humanitas», su cui si è focalizzato l’ultimo capitolo del volume, per il suo carattere paradigmatico. Ne sono emersi diversi indizi – per quanto provvisori – sui tentativi profusi nei circoli intellettuali e in specifici ambienti dell’associazionismo ufficiale per corroborare, anzitutto sul piano intellettuale, le scelte politiche messe in campo durante questi anni dai governi guidati da Alcide De Gasperi, altrimenti difficilmente metabolizzabili da parte significativa del mondo ecclesiale e, in special modo, da alcuni settori della nuova generazione cattolica.

 Prezzo
€ 19.00

Collana
Storia del Novecento

Pagine
201

Pubblicazione
Novembre 2020

Condividi su Facebook:

Keywords in chinese political language

KEYWORDS IN CHINESE POLITICAL LANGUAGE  


Autore
Bettina Mottura is Associate Professor of Chinese Language and Culture and is scientific coordinator of the Contemporary Asia Research Centre (CARC) at the University of Milan. Her research interests focus on the field of discourse analysis, which she primarily applies to Chinese media and public institutions discourse. Chinese Culture and its contemporary representation are two other key areas of interest. She has authored articles which have appeared in international journals and edited collections, she recently coedited two volumes on political discourse and the media (Cambridge Scholars Publishing, 2017; LCM Journal 5(2), 2018) and co-authored a volume on contemporary Chinese culture and institutions (Carocci, 2016).

Opera
The fundamental assumption in this book is that ‘Constitution’, ‘Party’ and ‘Talent’ are complex, culturally defining words, functioning as a record of historical facts or ideas and as resources around which discussions and political actions revolved since the late XIX century in China. Discursive resources exploited by Chinese public institutions in order to build a strategic representation of the political system and its values. On the basis of these premises, by tracing the incidence of the three keywords in Chinese political language in a diachronic perspective, the book aims at showing how they are currently used, polysemous, categorical, actively contested and part of a cluster. This work is based on qualitative analysis of selected primary sources in Chinese language. Legal, political and newspaper texts were identified in this book as realizations of the genre repertoire of contemporary Chinese politics. Hence, the sources were considered connected to one anotherin a sequential chain of action, concurring to the discursive strategy to strengthen the political institutions and to disseminate their ideology by actively fostering consensus on the selected keywords.

Prezzo
€ 14.00

Collana
Extraeuropea

Pagine
128

Pubblicazione
Novembre 2020

Condividi su Facebook:

Il bar degli zanza

IL BAR DEGLI ZANZA

Autore
Tino Adamo è nato a Milano nel 1967. Illustratore e sceneggiatore di fumetti, lavora come disegnatore e grafico alla Sergio Bonelli Editore. Co-autore del format Bonelli Kids e del Bestiario umoristico (Festina Lente Edizioni), prima di vivere della sua passione ha lavorato come barista per un decennio. Il Bar degli zanza è il suo primo romanzo.

Opera
 Immerso nella periferia milanese sorge un microcosmo frequentato da una fauna eterogenea di giocatori d’azzardo, simpatici furfanti, delinquenti di mezza tacca e un’accolita di anziani dediti all’alcool. Tino, uno dei due giovani baristi del locale di proprietà dell’istrionico Saverio, è il Virgilio rionale che guiderà il lettore entro una commedia umana dalle tinte tragicomiche, una vera e propria epica del perdente, nella quale le vicende dei personaggi che la popolano s’intrecciano fra trame cruente e momenti esilaranti. Ai tavoli del bar si giocano interminabili partite di poker ma la posta in gioco, per gente come Nico, Salvo, Zago e altri, è talvolta molto più pesante del solo denaro. Verità? Invenzione? Poco importa perché, come ha insegnato Eduardo, se qualcuno muore sulla scena, o in un libro, è perché c’è qualcuno che muore nella realtà. E adesso, avanti!

Prezzo
€ 17.00

Collana
La porta dei demoni

Pagine
325

Pubblicazione
Novembre 2020

Condividi su Facebook:

Dalla lambretta allo skateboard 2.0

DALLA LAMBRETTA ALLO SKATEBOARD 2.0
Sottoculture e nuovi movimenti dagli anni ‘50 alla globalizzazione

Autore

Roberto Pedretti è docente a contratto presso il dipartimento di Scienze della Mediazione Linguistica e di Studi Interculturali di Milano. Ha pubblicato saggi in libri e riviste specializzate sulla storia e la vita culturale del Sudafrica, sullo sport e il razzismo, gli studi culturali e il populismo. Vive e lavora a Milano.

Opera
Sono trascorsi dieci anni dalla prima edizione di questo testo ed è sembrato opportuno riconfigurarlo in relazione all’emergere di originali pratiche culturali legate all’universo giovanile. Questa nuova versione del testo si pone anche l’obiettivo di indicare le principali linee di riflessione emerse recentemente nel campo degli Studi Culturali. Il volume cerca di soddisfare le esigenze e gli obiettivi di un testo per docenti e studenti e la curiosità di un pubblico più vasto interessato a conoscere le origini, la storia e gli sviluppi attuali dei movimenti giovanili.

Prezzo
€ 19.00

Collana
Contaminazioni

Pagine
279

Pubblicazione
Ottobre 2020

Condividi su Facebook:

L’io Narciso

L’IO NARCISO
Dalla mitologia alla realtà dei nostri giorni

Autore

Pier Luigi Baldi, specialista in psicologia e psicoterapeuta, già professore ordinario di Psicologia generale presso la Facoltà di lettere e filosofia dell’Università Cattolica di Milano, è autore di numerose pubblicazioni sulla disabilità intellettiva e sui processi cognitivi. Attualmente è docente di Psicologia presso una scuola di psicoterapia e svolge attività in ambito editoriale.

Opera
Il nucleo centrale del testo è di carattere narrativo e consiste nella descrizione delle vicende di un caso “paradigmatico” di narcisismo patologico, totalmente frutto di fantasia. Il protagonista del racconto assomma in sé le caratteristiche salienti del disturbo narcisistico di personalità, elencate nella quinta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5), pubblicazione di riferimento per psichiatri e psicologi clinici, edito nel 2013 dall’American Psychiatric Association, e pubblicato in lingua italiana l’anno successivo. I restanti capitoli del libro gravitano attorno al succitato racconto e sono stati pensati in funzione di un opportuno inquadramento del concetto di narcisismo nel suo declinarsi nel corso di più di un secolo di elaborazione teorica e di pratica clinica: agli sviluppi di tale concetto, a cui il pensiero psicoanalitico ha fornito un contributo fondamentale, è dedicato il III capitolo. Il testo si apre con l’esposizione del mito di Narciso, inserita in una cornice storico-mitologica, che mette in luce, tra l’altro, il susseguirsi di studi sulla mitologia e su ciò che essa ha significato per intere comunità, dalla classicità greco-romana ai giorni nostri. Altre tematiche trattate riguardano le radici culturali e sociali del narcisismo, entro cui viene dato spazio al dibattito sugli eventuali aspetti narcisistici del nostro stile di vita, dibattito che si è radicalizzato al punto da spingere alcuni ricercatori a sostenere che la nostra società sarebbe contagiata da un’epidemia di narcisismo. Il quinto e ultimo capitolo riporta i dati di due mie ricerche (di cui una in collaborazione) sulle dinamiche narcisistiche di due ampi gruppi di studenti universitari, da cui emerge una chiara tendenza verso atteggiamenti e comportamenti non narcisistici.

Prezzo
€ 16.00

Collana
Psicologia sviluppo sociale e clinico

Pagine
163

Pubblicazione
Ottobre 2020

Condividi su Facebook: