I preparati erboristici del Dr. Balducci Farmacista

I PREPARATI ERBORISTICI DEL DR. BALDUCCI FARMACISTA

 

Autore

Il Dr. Ferruccio Balducci è farmacista ed esperto di medicina naturale e alimentazione. Dopo la laurea presso la Facoltà di Farmacia dell’Università degli studi di Firenze ha proseguito la propria formazione professionale interessandosi di medica olistica, con approfondimenti in omotossicologia, omeopatia unicista, fitoterapia e medicina tradizionale cinese. Ha letto decine di libri e seguito numerosissimi corsi per acquisire una forte competenza in questi ambiti.

Opera

“Mi chiamo Ferruccio Balducci e sono un Farmacista. Conosco il funzionamento dell’organismo ma anche la chimica delle sostanze che agiscono sul nostro corpo. Di fronte al crescente numero di pazienti che desidererebbero un’alternativa naturale al farmaco di sintesi, vorrei essere quel professionista che sappia consigliare prodotti sicuri e di alta qualità, mediando tra le diverse possibilità offerte dal mercato e credendo di poter aiutare i propri pazienti – laddove possibile – anche con un’eccellente offerta naturale. Il mio scopo è mantenere l’attenzione sul legame indissolubile tra Uomo e Natura, semplicemente, per vivere bene. Le mie formulazioni sono il mio tesoro.” Ferruccio Balducci.

 Prezzo
€ 20.00

Collana

Fuori collana

Pagine
171

Pubblicazione
Ottobre 2021

Condividi su Facebook:

Un conduttore in cattedra

UN CONDUTTORE IN CATTEDRA
Il bullismo raccontato ai ragazzi

 

Autore

Nicolò Barretta (Mantova, 1986). Laureato in Filologia Moderna, è docente di materie letterarie nelle scuole secondarie e in ambito accademico. È inoltre giornalista pubblicista, critico cinematografico e saggista. Ha lavorato in qualità di redattore per alcune produzioni televisive. È coautore di diversi saggi tra cui “La signora della tv. Fenomenologia di Maria De Filippi” e “La televisione che insegna a vivere” (Edizioni Unicopli). Nel 2010 è vincitore del Premio Scuola Holden come miglior recensione narrativa nell’ambito del Premio Adelio Ferrero.

Opera

Un conduttore in cattedra è un racconto illustrato per ragazzi dai 10 ai 14 anni ad alta leggibilità che nasce dalla volontà dell’autore di affrontare le tematiche del bullismo e della diversità, attraverso una storia al contempo semplice ed emozionante, scritta con un linguaggio chiaro e diretto. Al centro dell’intreccio il legame speciale che si instaura tra Giulio, un giovane professore al suo primo incarico e il suo allievo dodicenne Lucas, entrambi accomunati da un passato doloroso. Fa da sfondo l’universo scolastico, ritratto con gli occhi di un docente anticonformista che, con le sue idee innovative, cercherà di aiutare la sua classe a superare una situazione complicata. Il volume, pubblicato per la prima volta nel 2016, è ora qui proposto in una nuova versione aggiornata e arricchita da una esclusiva traduzione in lingua inglese. Per la sua particolare attenzione per gli aspetti educativi e didattici si presta pertanto ad essere adottato presso le istituzioni scolastiche di primo e secondo grado.

 Prezzo
€ 15.00

Collana

Fuori collana

Pagine
181

Pubblicazione
Settembre 2021

Condividi su Facebook:

Una cultura professionale per la polizia dell’Italia fascista

UNA CULTURA PROFESSIONALE PER LA POLIZIA DELL’ITALIA FASCISTA
Antologia de “Il magistrato dell’ordine” (1924-1939)  

Autore

Nicola Labanca insegna Storia contemporanea all’Università di Siena. È Presidente del Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari.
Michele Di Giorgio è assegnista di ricerca in Storia contemporanea presso l’Università di Siena. È autore di Per una polizia nuova. Il movimento per la riforma della Pubblica Sicurezza1969-1981 (2019).

Opera

Come si conciliò la cultura professionale della polizia con un regime totalitario quale quello fascista? Quanto e come il fascismo cambiò la polizia? Le fonti prodotte dalle istituzioni poliziesche – rapporti, relazioni, schedature ecc. – sono molto usate dagli storici. Ma troppo raramente questi si sono interessati alla vita della polizia come istituzione dentro il Ventennio. Grande attenzione è tradizionalmente portata ad alcuni suoi reparti speciali (si pensi all’OVRA) ma ancora troppo poco ne sono stati oggetto di studio l’organizzazione, il funzionamento, il personale, le mentalità. Mettere a disposizione dei lettori e degli studiosi un’antologia de “Il magistrato dell’ordine” – unica rivista scritta da funzionari di polizia per i poliziotti ad essere autorizzata dal fascismo – può dare un importante contributo a conoscere meglio come era fatto, e come era cambiato, uno dei fondamentali strumenti di controllo e di repressione del regime. Può aiutare anche a intendere attraverso quali continuità, e quali discontinuità, dalla polizia dell’Italia liberale si arrivò infine alla polizia della Repubblica e della democrazia. Questo volume prosegue l’indagine sui saperi professionali delle polizie italiane, e quindi sulle polizie stesse, già avviata con la Antologia del “Manuale del funzionario di sicurezza pubblica e di polizia giudiziaria”, 1863-1912 (2015) e con la Antologia del “Bollettino della Scuola di polizia scientifica”, 1910-1939 (2020), nonché con la prima edizione degli scritti di Salvatore Ottolenghi, Una cultura professionale per la polizia dell’Italia liberale e fascista. Antologia degli scritti, 1883-1934 (2018).

 Prezzo
€ 35.00

Collana
Fuori collana

Pagine
523

Pubblicazione
Giugno 2021

Condividi su Facebook:

Una cultura professionale per la polizia dell’Italia liberale e fascista

UNA CULTURA PROFESSIONALE PER LA POLIZIA DELL’ITALIA LIBERALE E FASCISTA
Antologia del “Bollettino della Scuola di polizia scientifica” (1910-1939)

Autore

Nicola Labanca insegna Storia contemporanea all’Università di Siena. È Presidente del Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari.
Michele Di Giorgio è dottore di ricerca in Storia contemporanea presso l’Università Ca’ Foscari Venezia e autore, fra l’altro, di Per una polizia nuovaIl movimento per la riforma della Pubblica Sicurezza, 1969-1981 (Viella 2019).

Opera
L’antica immagine dello ‘sbirro’, del poliziotto votato alla persecuzione dei malviventi solo sulla base del suo ‘fiuto’ e della sua esperienza pratica e quotidiana di contrasto alla criminalità, nella seconda metà dell’Ottocento andò sempre più in crisi. Mentre tutta la società si modernizzava, come potevano i corpi di polizia restare estranei non solo alla democratizzazione dei sistemi politici ma anche al progresso, all’avanzamento delle scienze, allo sviluppo delle tecnologie? A cavallo fra Ottocento e Novecento questa potente corrente di trasformazione prese varie forme, in Europa e anche in Italia. Una di queste fu la creazione di laboratori, corpi, scuole di polizia scientifica, miranti a diffondere anche fra le forze dell’ordine i più moderni ritrovati della tecnologia, a fini di identificazione e persecuzione dei crimini. In Italia se ne fecero promotori, all’interno delle polizie, un pugno di funzionari e, nel mondo accademico, Salvatore Ottolenghi, allievo di Cesare Lombroso, e i suoi più diretti collaboratori. Fu così che, all’inizio del Novecento, nacque anche in Italia una Scuola di polizia scientifica e, dopo qualche anno, un suo “Bollettino” a stampa. Oltre che con l’attività pratica della Scuola, fu proprio tramite la lettura del “Bollettino” che tutta una serie di scienze e di tecniche furono divulgate all’interno della pubblica sicurezza del tempo. L’uso della dattiloscopia, della fotografia, del ‘ritratto parlato del sopralluogo’, delle ‘cartelle biografiche’, delle varie tipologie di schedatura e più in generale la formalizzazione dei sistemi di segnalamento, di ricerche e di identificazione furono sempre più diffusi proprio attraverso le pagine del “Bollettino” (1910-1939). Il volume fornisce la prima antologia di questo importante periodico, e fa seguito agli altri dedicati al “Manuale del funzionario di sicurezza pubblica” (1861-1912) e agli scritti di Salvatore Ottolenghi (1883-1934), in una collana dedicata allo studio storico dei saperi di polizia in Italia.

Prezzo
€ 35.00

Collana
Fuori collana

Pagine
557

Pubblicazione
Ottobre 2020

Condividi su Facebook:

Prepararsi all’adozione

PREPARARSI ALL’ADOZIONE
Il percorso formativo personale e di coppia per adottare un figlio Nuova edizione riveduta e ampliata

Autore
Loredana Paradiso insegna Progettazione e valutazione degli interventi educativi presso l’Università di Genova. Pedagogista e psicologa, si occupa di Alta Formazione presso Università, Regioni e varie Associazioni affrontando temi tra cui la genitorialità sociale, la prima infanzia e il lavoro sociale ed educativo. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Parenting adottivo. Funzioni, stili e competenze genitoriali adottive (2015); Nonni adottivi. L’adozione raccontata ai nonni (2015); Fratelli in adozione e affidamento. Il diritto alla fratellanza e la continuità affettiva nella fratellanza biologica e sociale (2016); Narrazioni familiari e adozione. Il ruolo di operatori, insegnanti e genitori (2018).

Opera
In questa nuova edizione di Prepararsi all’adozione l’Autrice propone un modello di formazione della famiglia adottiva basato sull’adattamento positivo del bambino e sul benessere familiare. La prospettiva scelta privilegia una lettura orientata ai fattori protettivi e alle peculiarità educative delle relazioni familiari adottive. Il modello di formazione proposto accoglie le premesse teoriche dell’educazione familiare integrando una prospettiva educativo-pedagogica e psico-sociale della genitorialità e del percorso familiare adottivo. Nello stesso tempo supera una concezione psico-patologica dell’adozione per concentrare l’attenzione sul valore tras-formativo dell’adozione. L’obiettivo è quello di offrire agli operatori un modello teorico e metodologico per progettare i percorsi di formazione e di sostegno alla famiglia adottiva e, nel contempo, un itinerario di auto-formazione per le persone che si avvicinano al progetto adottivo.

Prezzo
€ 19.00

Collana
Fuori collana

Pagine
259

Pubblicazione
Settembre 2020

Condividi su Facebook:

Lezioni milanesi

LEZIONI MILANESI

Letteratura, cultura, civiltà

Autore

Yu Hua nasce nel 1960 a Hangzhou. Figlio di un’infermiera e di un medico, trascorre lunghi pomeriggi dell’infanzia a giocare nei corridoi dell’ospedale e lì svolge il suo apprendistato di scrittore. Irrompe sulla scena letteraria negli anni Ottanta con racconti d’avanguardia. Oggi è uno degli autori più amati nel suo Paese e a livello internazionale, le sue opere sono infatti tradotte in trentacinque lingue. In Italia ha pubblicato: Torture (Einaudi, 1997), Vivere! (Donzelli, 1997/ Feltrinelli, 2012), con il quale ha vinto il premio Grinzane Cavour e da cui è tratto l’omonimo film di Zhang Yimou, L’eco della pioggia (Donzelli, 1998/Feltrinelli, 2019), Cronache di un venditore di sangue (Einaudi, 1999/Feltrinelli, 2018), Le cose del mondo sono fumo (Einaudi, 2004), Brothers (Feltrinelli, 2017), La Cina in dieci parole (Feltrinelli, 2012), Il settimo giorno (Feltrinelli, 2017), vincitore del Premio Bottari Lattes Grinzane 2018 per la se­zione “Il Germoglio”, e Mao Zedong è arrabbiato (Feltrinelli, 2018).

Opera

L’idea di un volume dedicato alle “lezioni milanesi” di Yu Hua nasce dal tour letterario che tra l’ottobre e il novembre 2018 ha portato l’autore cinese in numerose città italiane. Partendo da Milano, Yu Hua ha incontrato studenti e lettori a Torino, Enna, Napoli, Roma, Macerata, Siena, Bologna e Venezia, per tornare poi nella città meneghina con tre lezioni aperte, tenute al Polo di Mediazione Interculturale e Comunicazione dell’Università degli Studi di Milano, in cui ha parlato di letteratura (wenxue 文学), cultura (wenhua 文化) e civiltà (wenming 文明). In cinese queste tre parole sono formate a partire dal carattere wen 文, “segno scritto”, un concetto fondamentale nel passato così come nel presente del Paese. Il volume raccoglie i testi dei tre incontri che Yu Hua ha tenuto a Milano e nei quali ha tracciato, nella forma di un vivace dialogo con studiosi e pubblico in sala, gli orizzonti della letteratura cinese e della propria scrittura, il panorama della cultura della Cina contemporanea e l’essenza della sua civiltà millenaria. Lo stile semplice e la narrazione ironica e lucida di Yu Hua rivivono nelle traduzioni in italiano delle tre lezioni e nei testi originali in lingua cinese che le accompagnano.

Prezzo
€ 13.00

Collana
Fuori collana

Pagine
123

Pubblicazione
Gennaio 2020

Condividi su Facebook:

Premiata Ditta Spranzi Aldo Dal 1932

Premiata Ditta Spranzi Aldo Dal 1932.
Una storia vera con la partecipazione della Scienza, della Madonna, del Diavolo e della Felicità

Autore

Aldo Spranzi. Professore ordinario nell’Università di Milano, è un economista industriale con un ricco curriculum nel campo dell’economia dell’arte. Ha sviluppato e portato a compimento una teoria dell’arte si può dire rivoluzionaria, di cui la sperimentazione ha comprovato la validità. Come tante volte è avvenuto nella scienza, l’innovazione si è messa in moto e sviluppata col concorso determinante di fattori casuali attinenti al percorso esistenziale dell’autore, che in questa pubblicazione sono documentati e analizzati.

Opera
Questa è la storia di uno sconosciuto uomo comune, che in quanto tale non interessa a nessuno. Ma, come insinua il sottotitolo dell’opera, accade qualcosa che trasforma la biografia in un racconto giallo, diciamo un giallo biografico. Qualcosa di anormale, di misterioso succede, anche perché quel che occorre appurare è se sia veramente successo o non si tratti di fantasie. C’è di mezzo la Madonna, il Demonio, e poi la Felicità con la maiuscola che non vuol avere nulla a che fare con la felicità con la minuscola… sovrannaturale o paranormale? Anche qui, come in tutti i gialli, il lettore è chiamato a trasformarsi in detective, in investigatore per giungere al chiarimento di una questione ambigua, nella quale la posta in gioco è alta, al di là della pochezza del protagonista. L’analisi biografica è fondamentale, per cogliere le modalità con cui il caso, sempre attivo nelle innovazioni scientifiche, ha svolto il suo ruolo. Il ‘giallo’ non ha ostacolato ma anzi agevolato la realizzazione di questo obiettivo.  

Prezzo
€ 30.00

Pagine
550

Collana
Fuori collana

Pubblicazione
Novembre 2018

Condividi su Facebook:

Corso di lingua cinese intermedio

CORSO DI LINGUA CINESE INTERMEDIO  

Autore

Clara Bulfoni, laureata presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia in Lingue e Letterature orientali (cinese), è professore associato di Lingua cinese presso il Dipartimento di Scienze della Mediazione linguistica e di Studi interculturali dell’Università degli Studi di Milano. Insegna Lingua cinese nel Corso di Laurea triennale in Mediazione linguistica e culturale. I suoi ambiti di ricerca riguardano l’evoluzione della lingua cinese  contemporanea e, in particolare, le innovazioni lessicali dei linguaggi specialistici dell’informatica. Un altro campo di ricerca è la glottodidattica della lingua cinese a italofoni.
Sun Xiaoli, laureata presso l’Università Normale di Shanghai in Lingua e Letteratura cinese e presso l’Università di Torino in Lingue e Letterature straniere, è docente di lingua cinese nel Corso di Laurea Triennale in Mediazione linguistica e culturale e nel Corso di Laurea Magistrale in Lingue e Culture per la comunicazione e la cooperazione internazionale dell’Università degli Studi di Milano.

Opera
Il presente manuale costituisce il seguito del Corso di lingua cinese elementare e completa l’apprendimento delle principali nozioni grammaticali e morfosintattiche della lingua cinese. Si propone, quindi, di fornire le conoscenze indispensabili per l’approccio alla lettura di testi culturali e sociali, storici e politici, nonché quelle per la preparazione agli esami di certificazione della lingua cinese (HSK). Le parole nuove sono state selezionate tra quelle classificate come fondamentali per l’acquisizione delle corrette abitudini linguistiche, ma sono state inserite anche nuove parole in uso nel gergo giovanile e ormai di uso comune. Le competenze lessicali e comunicative, supportate dalla conoscenza della cultura del paese di cui si studia la lingua, permetteranno allo studente di interagire con “l’altro” attraverso una comunicazione che favorirà ad “accorciare” le distanze culturali.  

Prezzo
€ 34.90

Pagine
370

Collana
Fuori collana

Pubblicazione
Novembre 2018

Condividi su Facebook:

Una cultura professionale per la polizia dell’Italia liberale e fascista

UNA CULTURA PROFESSIONALE PER LA POLIZIA DELL’ITALIA LIBERALE E FASCISTA
Antologia degli scritti (1883-1934)  

 

Autore

Nicola Labanca insegna Storia contemporanea all’Università di Siena. È Presidente del Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari. Michele Di Giorgio è dottore di ricerca in Storia contemporanea presso l’Università di Venezia. Insieme hanno già curato, per questa casa editrice, Una cultura professionale per la polizia dell’Italia liberaleAntologia del “Manuale del funzionario di sicurezza pubblica e di polizia giudiziaria”  (1863-1912) (2015)

Opera

La costruzione di una cultura professionale per i Corpi dello Stato contemporaneo è stata un processo di lunga lena, sempre rinnovato, mai dato o da dare per scontato. La formazione e la diffusione dei saperi professionali delle polizie, e in particolare della Polizia di Stato, si sono avvalse dell’incrocio di contributi di attori diversi: operatori di polizia, intellettuali, scienziati, uomini e donne del loro tempo che hanno reputato un dovere ed una missione di rilevanza nazionale costruire, affinare, diffondere le conoscenze più aggiornate. Quello della ‘Polizia scientifica’ è forse, storicamente, il caso più emblematico e rilevante della storia di questi ‘saperi di polizia’. In Italia, alle fondamenta della polizia scientifica quale modernamente la intendiamo, sta la figura di Salvatore Ottolenghi (1861-1934).

Prezzo
€ 30.00
Pagine
452
Collana
Fuori collana
Pubblicazione:
Maggio 2018

Condividi su Facebook:

Comuni d’Europa 32

Comuni d’Europa 32
Periodico dell’Aiccre

Opera
Testata iscritta al n. 1041 del Registro degli Operatori della Comunicazione (Roc) Presidente Michele Picciano Vicepresidenti: Nadia Ginetti (vicario), Marco Flavio Cirillo, Giuseppe Magni, Giuseppe Pagano, Fiorenzo Silvestri, Giovanni Speranza Segretario generale: Carla Rey Segretario generale aggiunto: Emilio Verrengia Direttore responsabile: Giuseppe Viola Responsabile editoriale: Giuseppe D’Andrea In redazione: Anna Pennestri

Prezzo:
€ 10

Pagine:
80

Collana:
Fuori collana

Pubblicazione:

Marzo 2016

Condividi su Facebook: