Grazia Deledda

GRAZIA DELEDDA
La scrittura dell’eccesso  

 

Autore

Pasqualina Deriu è nata a Silanus (NU) e vive a Milano, dove ha insegnato Italiano e Storia nelle scuole superiori. Giornalista pubblicista, è stata redattrice de La Mosca di Milano e ha collaborato con varie riviste: Il Paese delle Donne, Poesia, Dialogica, Monte Analogo, Portale Letterario. Ha pubblicato numerosi componimenti poetici, sia in volume che su antologie, saggi di didattica dell’italiano e Racconto di Poesia (interviste a poetesse contemporanee).

Opera

Ad onta dell’essere stata l’unica scrittrice italiana insignita del più internazionale dei riconoscimenti, il Nobel, e della circostanza che la maggior parte della sua vita si sia svolta lontano dalla sua regione d’origine, Grazia Deledda, almeno presso gran parte del pubblico, è stata come esiliata entro i confini di un presunto verismo quando non ritenuta addirittura un’autrice locale, quindi minore. La scarsa conoscenza d’una Sardegna fortemente caratterizzata per la sua insularità, le sue lingue, le sue culture ha poi certo contribuito a far intendere i suoi romanzi in chiave quasi etnografica, più che letteraria. Ma i violenti contrasti che caratterizzano i personaggi e le situazioni deleddiane di etnograficamente sardo hanno ben poco, anzi provengono, come ci dice Pasqualina Deriu seguendo l’impostazione di Peter Brooks, dall’utilizzo d’un canone artistico di derivazione francese, il melodramma ottocentesco, mutuato dall’Autrice per far scaturire con la maggior evidenza possibile le pulsioni più profonde dell’Es umano. Arte universale, dunque, e non di provincia — come la Commissione svedese ben riconobbe.

 Prezzo
€ 12.00

Collana

Testi e studi

Pagine
96

Pubblicazione
Ottobre 2021

Condividi su Facebook:

L’Ipnositerapia

L’IPNOSITERAPIA
Un ponte per accedere alle nostre risorse interiori  

 

Autore

Stefania Mizzau, nata a Roma nel 1965, si è laureata in Pedagogia e in Psicologia clinica. Si è formata nel Counseling alla relazione di aiuto secondo il modello della psicoterapia centrata-sulla-persona di Carl Rogers, per poi specializzarsi in Ipnosi Clinica e Psicoterapia ericksoniana. Libera professionista, ha seguito molti corsi formativi nell’ambito delle applicazioni dell’ipnosi.

Opera

Che cos’è l’ipnosi? Come è cambiato nel tempo il modo di concepire e indurre la trance? Cosa sono i fenomeni ipnotici, e come vengono utilizzati in ambito clinico? Queste sono solo alcune delle domande a cui il volume tenta di rispondere, con un linguaggio chiaro e comprensibile a tutti, che tuttavia non rinuncia ad uno scrupoloso rigore scientifico ed è avvalorato da una prolungata esperienza professionale sul campo. A partire da una definizione dettagliata e dalla ricostruzione storica del fenomeno, il lettore viene infatti introdotto ad una conoscenza più approfondita dell’ipnositerapia: un tema intorno al quale gravitano molte curiosità, ma anche innumerevoli pregiudizi. La riflessione teorica è integrata poi dal racconto di otto esperienze di ipnositerapia direttamente condotte dall’autrice su problemi comuni quali l’ansia, il panico, le fobie, la dipendenza dal fumo, la depressione, il dolore cronico. Percorsi da cui emerge l’importanza terapeutica di una modalità comunicativa e relazionale quale quella offerta dall’ipnosi, pratica in grado di elicitare ed utilizzare le risorse del soggetto per aiutarlo ad affrontare le difficoltà. In quest’ottica, e soprattutto nel pieno rispetto della persona e della sua unicità, si prendono così le distanze da un immaginario che dipinge l’ipnosi come fenomeno manipolatorio e coercitivo, restituendo invece al soggetto ipnotizzato un ruolo pienamente attivo nel processo di cambiamento di cui è protagonista.

 Prezzo
€ 17.00

Collana

Testi e studi

Pagine
154

Pubblicazione
Ottobre 2021

Condividi su Facebook:

Gli studi culturali, il lavoro intellettuale e la pratica politica

GLI STUDI CULTURALI, IL LAVORO INTELLETTUALE E LA PRATICA POLITICA
Saggi 2015-2021

Autore

Claudia Gualtieri Roberto Pedretti insegnano “Culture anglofone” e “Cultura inglese” presso il Dipartimento di Scienze della Mediazione Linguistica e di Studi Interculturali dell’Università degli Studi di Milano. Nella loro collaborazione scientifica hanno approfondito la ricerca culturale, storica e letteraria sulla scrittura postcoloniale e le pratiche sottoculturali nei paesi di lingua inglese, applicata soprattutto a Gran Bretagna, Sudafrica e alle espressioni europee e italiane delle migrazioni. Con il progetto “Crisis, Risks and New Regionalisms in Europe”, assieme al Department of English della Chemnitz University of Technology, hanno ottenuto il finanziamento del German Academic Exchange Service (DAAD) Hochschuldialog mit Südeuropa nel 2014, 2016 e 2019.
Insieme hanno curato Crisis, Risks, and New Regionalisms in Europe. Emergency Diasporas and Borderlands (Vissenschaftlicher Verlag 2017). Tra le pubblicazioni recenti: Gualtieri C. (ed.), Migration and the Contemporary Mediterranean. Shifting Cultures in Twenty-First-Century Italy and Beyond (Peter Lang 2018) e Utopia in the Present. Cultural Politics and Change (Peter Lang 2018); Pedretti R., Dalla Lambretta allo skateboard 2.0. Sottoculture e nuovi movimenti dagli anni ’50 alla globalizzazione (Unicopli, 2020).

Opera

Viviamo in tempi difficili in cui le istituzioni generate dal capitalismo neoliberista non sembrano più in grado di risolvere le contraddizioni che esse stesse hanno contribuito a creare. In un contesto simile, ciascuno cerca di trovare un senso alla propria vita, sperimentando nuove forme di azione per trasformare il presente e aprirsi alle potenzialità del futuro. È questa la situazione da cui prende le mosse Gli Studi Culturali, il lavoro intellettuale e la pratica politica, una raccolta di alcuni tra i saggi più significativi scritti negli ultimi cinque anni da Lawrence Grossberg. Un intellettuale generoso e audace che abbraccia la responsabilità e le sfide di una “conoscenza senza garanzie”, nella convinzione che come si osserva e racconta ciò che accade sia tanto importante quanto cosa si pensa, dal momento che storie cattive finiscono per produrre cattive politiche. Abbiamo quindi bisogno di analisi rigorose del presente, sostenute da un solido approccio teorico, che riconoscano il ruolo fondamentale e imprescindibile della cultura. Le storie migliori sono infatti quelle che accolgono la complessità del mondo senza arrendersi a banali semplificazioni, che si concentrano sulla specificità dei contesti evitando pigre generalizzazioni, che distinguono il vecchio dal nuovo senza cadere nella romantica divisione tra il noto e lo sconosciuto. Tali storie devono saper accettare l’incertezza con quella generosa umiltà che consente a un intellettuale impegnato come Grossberg di pensare, lavorare e dialogare collettivamente, convivendo con le differenze pur senza rinunciare a immaginare sempre nuove forme di unità.

 Prezzo
€ 20.00

Collana

Testi e studi

Pagine
269

Pubblicazione
Ottobre 2021

Condividi su Facebook:

Il clarinetto jazz nella musica “colta”

IL CLARINETTO JAZZ NELLA MUSICA “COLTA”

Autore

Gianluca Campagnolo ha pubblicato numerose composizioni, saggi e articoli. È stato più volte membro di Giuria in vari Concorsi Nazionali ed Internazionali. Ha inciso per Centaur, Bongiovanni, Amadeus Arte, Eco, Taukay, Vermeer, Da Vinci e pubblicato un Metodo per Clarinetto in dieci volumi edito da By Bess ed un New Complete Method for Clarinet (in inglese ed italiano) in dodici volumi edito da C.D.B. Ha inoltre pubblicato per Amadeus Arte, Eco, Armelin, Notami, Artemide, ETS e Libreriauniversitaria. Ha tenuto diverse Master Class di Clarinetto presso Università e Conservatori di Jakarta, di El Salvador, Spagna, Francia e Olanda.

Opera

Dall’inizio del Novecento il clarinetto è stato uno strumento fondamentale nella fusione tra jazz e musica colta: nell’era dello swing Benny Goodman, Artie Shaw e Woody Herman sono diventati capo-orchestra e clarinettisti famosi da una sponda all’altra dell’Atlantico, facendo del clarinetto uno strumento sempre più solista. Il loro registro si è ampliato negli anni successivi e ha contribuito ad allargare il repertorio tradizionalmente proposto ancora oggi nella maggior parte dei conservatori. Sulla scia di tale consapevolezza, questo libro auspica che i musicisti studiando il clarinetto superino le soglie del Novecento, scardinino la consuetudine ed esplorino generi e linguaggi musicali diversi. Intende infatti aprire a studenti, appassionati e professionisti uno squarcio sulla storia del jazz e mettere in luce l’importanza del clarinetto nella sua evoluzione e diffusione, in una lettura che non rinuncia alla scorrevolezza e al gusto per il dettaglio. Nessun clarinettista che ambisce a una formazione globale e aggiornata dovrebbe infatti ignorare il jazz, il suo uso di tecniche inusuali quali ringhi, glissandi, nuovi modelli di scale, ritmi complessi e diversi colori tonali illustrati e approfonditi in questo volume. Per qualsiasi clarinettista completo che si vuole completo, il jazz rimane una sfida da raccogliere.

 Prezzo
€ 19.50

Collana
Testi e Studi

Pagine
306

Pubblicazione
Aprile 2021

Condividi su Facebook:

Oltre l’ultima quercia

OLTRE L’ULTIMA QUERCIA
Serenate a Bretton Oaks di Fenoglio  

 

Autore

Ilaria Moretti è dottore in filosofia, membro del centro di studi IHRIM (Institut d’Histoire des Représentations et des Idées dans les Modernités – UMR 5317) e insegnante presso il dipartimento di Studi Italiani dell’Université Jean Moulin Lyon 3, in Francia. Le sue ricerche si concentrano soprattutto sul rapporto tra scrittura, ethos d’autore e identità letteraria con un approfondimento verso le autrici della letteratura italiana del Novecento fino all’epoca contemporanea. Scrive per Charta Sporca e ha collaborato con Soft Revolution, Il lavoro culturale, Cronache letterarie, Critica letteraria. Ha creato e dirige attualmente il primo laboratorio di teatro in lingua italiana presso la sua stessa università.

Opera

Il presente saggio si propone di costruire uno sguardo. Trovare una prospettiva ermeneutica attraverso cui restituire l’organicità di un testo teatrale di Beppe Fenoglio, Serenate a Bretton Oaks, ultimato nel 1948 ma pubblicato per Mondadori soltanto nel 1978 a cura di Maria Corti. Attraverso una lettura intertestuale, intratestuale e drammaturgica, il presente studio cerca di scardinare i meccanismi che costituiscono l’ossatura di un componimento giovanile, spesso bistrattato dalla critica e certo ignorato dai registi. Vale, in questo contesto, la necessità di proporre un approfondimento su una pièce dimenticata, cercando di osservarla nei suoi risvolti inediti, nelle sue slacciature, nei suoi punti morti capaci, tuttavia, di apportare una luce nuova sull’opera di Fenoglio. Tra tutti i suoi testi teatrali, Serenate è l’unico dotato di una propria organicità, il più caro all’autore, quello più riscritto, quello che avrebbe potuto sancire – forse – il suo ruolo di drammaturgo, scrittore di teatro e non, banalmente, per il teatro.

 Prezzo
€ 23.00

Collana
Testi e Studi

Pagine
292

Pubblicazione
Aprile 2021

Condividi su Facebook:

TÓDE TI

TÓDE TI
La sostanza individuale e le sue strutture nella metafisica dell’esperienza di Aristotele

Autore

Marcello Zanatta (1948) è professore ordinario in quiescenza di Storia della Filosofi a Antica nell’Università della Calabria. Specialista di Aristotele, vi ha dedicato cinque monografie e ha redatto l’edizione italiana di molti suoi trattati. I suoi studi coprono altresì ampi ambiti del pensiero antico. È autore di una monografia sul concetto di bene e una sul concetto di anima nei filosofi greci e romani, di una storia della fi losofia antica, della prima edizione italiana de Le contraddizioni degli Stoici di Plutarco, di un commento dei Ricordi di Marco Aurelio, nonché dell’edizione italiana dei Frammenti del retore Ermagora di Temno. È direttore delle collane “Questioni di Filosofi a Antica” e “Vette Filosofi che” presso Unicopli, e della collana “Philosophia ton Palaion” presso Aracne di Roma. Nel campo della filosofia contemporaneo si segnala una sua monografia su Heidegger.

Opera

Nel volume si esamina il ruolo che nel pensiero di Aristotele, considerato nel suo sviluppo storico, riveste la nozione di sostanza individuale, indicata nelle Categorie come «un certo questo» e successivamente come sinolo di materia e forma, determinazioni cui corrispondono quelle di potenza e atto. Si mostra che nella materia è sempre presente a livello potenziale la forma, per cui essa non è mai pura potenza: né come materia prossima, né come materia metafisicamente intesa e neppure come materia prima, di cui viene ribadita l’esistenza riprendendo e ampliando analisi svolte nell’edizione italiana del De generatione et corruptione; si mostra altresì che la forma è indefettibile. Alla luce di queste risultanze si mostra infine l’incongruità di pensare che per Aristotele l’essere della sostanza individuale è pura presenza, snaturando in tal modo il suo essere la base di una metafisica dell’esperienza.

 Prezzo
€ 22.00

Collana
Testi e Studi

Pagine
270

Pubblicazione
Marzo 2021

Condividi su Facebook:

Mezzogiorno e integrazione europea

MEZZOGIORNO E INTEGRAZIONE EUROPEA
La Puglia dall’intervento straordinario alla regionalizzazione (1957-1993)


Autore
Antonio Bonatesta (1982), dottore di ricerca in Storia Contemporanea, svolge attualmente attività di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali (SPGI) dell’Università di Padova. È stato Associate Researcher presso l’Alcide De Gasperi Research Centre dell’Istituto Universitario Europeo (Firenze). I suoi interessi sono prevalentemente rivolti alla storia del Mezzogiorno repubblicano, con particolare riferimento all’integrazione europea e al ruolo dell’intervento straordinario, e della Democrazia cristiana.

Opera
Questo volume si inserisce in un recente filone di studi incentrato su una “storia regionale dell’integrazione europea”, volta cioè a indagare caratteri e limiti delle trasformazioni territoriali indotte dalla costruzione comunitaria. Il tentativo è stato quello di soppesare, con strumenti nuovi, la vicenda dello sviluppo del Mezzogiorno in età repubblicana, analizzando i caratteri delle classi dirigenti meridionali attraverso il peculiare intreccio tra ristrutturazione della sovranità in Europa e regionalizzazione dello Stato. Il lavoro ha assunto come caso di studio la Puglia, nel tentativo di indagare le modalità attraverso cui una società ai margini del capitalismo occidentale, un segmento della “semiperiferia” – come Giovanni Arrighi ha definito i paesi dell’Europa meridionale – è divenuto oggetto di forme di integrazione nazionale e comunitaria, subendo e reagendo ai cambiamenti geopolitici ed economici nel cuore dell’egemonia mondiale.

 Prezzo
€ 25.00

Collana
Testi e studi

Pagine
389

Pubblicazione
Novembre 2020

Condividi su Facebook:

Studi sulla tradizione platonica e aristotelica

STUDI SULLA TRADIZIONE PLATONICA E ARISTOTELICA  

Autore

Marcello Zanatta

Opera

I saggi raccolti in questo volume si collocano lungo una linea di studi e ricerche rappresentati dalla tradizione platonica e aristotelica. L’accento non va primariamente fatto cadere su “platonica” e “aristotelica” quanto invece su “tradizione”. Certo, sono in campo due “tradizioni”. Ma a parte il fatto che esse non si collocano tra loro nella distanza di una linearità parallela, ma, ben al contrario, proprio uno degli esiti di questi studi (quelli fra essi che si collocano cronologicamente nel periodo della tarda antichità) è la documentata messa in evidenza di ben precisi punti teorici di contatto e – oserei addirittura dire – di certi momenti speculativamente nodali comuni alle due “tradizioni”, vige che proprio l’idea di tradizione, ossia del tramandamento di un nucleo di istanze dottrinali, è ciò che unifica le filosofie dei pensatori che si sono rifatti a Platone e ad Aristotele. E qui, e sotto questo profilo, il momento sincronico s’interseca e coagisce con quello diacronico, nella misura in cui, per un verso, sono certe precise tematiche di fondo a venire in luce e a tenere campo, donde l’unità che raccoglie la differenza cronologica, e non di meno viene in luce la differente modulazione di esse in figure speculative cariche di spessore e di tonalità peculiari, donde il momento della distribuzione differenziata lungo il tempo.

Prezzo
€ 22.00

Collana
Testi e studi

Pagine
268

Pubblicazione
Settembre 2019

Condividi su Facebook:

Passeggiata dialettica tra le scienze

PASSEGGIATA DIALETTICA TRA LE SCIENZE  

Autore

Évariste Sanchez-Palencia è nato nel 1941 a Madrid e ha fatto una carriera di ricercatore in meccanica teorica e matematica applicata al CNRS, dove è Direttore di Ricerca Emerito. È membro dell’Académie des Sciences di Francia e del Consiglio di Amministrazione del l’Union Rationaliste.

Opera
Sono ben noti i paradossi della scoperta scientifica: spesso quello che si cerca non viene trovato e quello che si trova non era cercato. E purtuttavia, impossibile da pianificare, difficile da gestire, sempre mal considerata, la ricerca avanza. In un testo controverso, al crocevia delle strade della divulgazione, della storia e della filosofia delle scienze, l’autore esplora la natura della conoscenza e della ricerca con il sussidio di un modo di esposizione che fa ampiamente leva sullo strumento dell’analogia. L’accento è posto su un’interpretazione della ricerca che si avvale della dialettica e dei sistemi dinamici, rispettivamente i due quadri generali, filosofico e matematico, dei fenomeni evolutivi a causalità multipla (talvolta contraddittoria) e non istantanea.

Prezzo
€ 15.00

Pagine
441

Collana
Testi e studi

Pubblicazione
Novembre 2018

 

Condividi su Facebook:

La legione Parini

LA LEGIONE PARINI
Gli italiani all’estero e la Guerra d’Etiopia (1935-1936)

Autore

João Fábio Bertonha è professore di Storia presso l’Universidade Estadual de Maringá/PR e ricercatore del CNPq, entrambi in Brasile. Si è addottorato in Storia presso l’Universidade Estadual de Campinas, ed è stato visiting fellow presso l’Università La Sapienza di Roma (2010-2011) e l’USP (2012), dove nel 2014 ha acquisito il titolo di Livre Docente in Storia. Tra il 2014 e il 2015 è stato visiting fellow presso lo European University Institute di Firenze e è specialista in difesa e strategia internazionale (National Defense University, USA). È autore di numerosi libri ed articoli pubblicati sia in Brasile che in diversi paesi d´Europa e delle Americhe.

Opera
La Legione Parini era un’unità militare creata da Piero Parini (1894-1993), direttore della Segretaria Generale dei fasci all’estero, per combattere nella guerra d’Etiopia. La Legione raggruppava migliaia di fascisti italiani che vivevano in Europa, nelle Americhe e in Medio Oriente ed fu inquadrata nella 6a Divisione CCNN Tevere. Questo libro ricostruisce la storia della Legione durante la campagna d’Africa e in particolare la storia dei legionari e loro origini geografi che, sociali e culturali. Particolare enfasi viene data alla memoria circa la Legione costruita dalla macchina di propaganda fascista e alla storia delle diverse comunità italiane da dove i legionari partirono, cercando di capire le loro motivazioni per arruolarsi per combattere in una guerra lontana.  

Prezzo
€ 25.00

Pagine
332

Collana
Testi e Studi

Pubblicazione
Novembre 2018

 

 

Condividi su Facebook: