Un ambiguo sodalizio

UN AMBIGUO SODALIZIO
Percorsi di musica e storia religiosa nella prima età moderna  

Autore

Manuel Bertolini è dottore in storia moderna. Ha svolto ricerche presso le Università di Ginevra e Verona ed è redattore della rivista “Bruniana & Campanelliana. Ricerche fi losofi che e materiali storico-testuali”. Si occupa di storia culturale del Rinascimento, con particolare riguardo alla musica e alle teorie sulle emozioni. I suoi studi sono pubblicati, fra l’altro, in “Bruniana & Campanelliana”; “Rivista di storia e letteratura religiosa”; “Rivista storica italiana”; “Società e storia”.

Opera

Sin dall’antichità alla musica è riconosciuto un potere in grado di alterare gli affetti dell’ascoltatore. Le implicazioni morali di questa concezione tornano d’attualità con la Riforma protestante, che ridiscute criticamente l’apporto dei sensi alla devozione. La parola cantata è inevitabilmente portatrice di suoni che ricadono, come ogni atto umano, nel sistema bipartito tra merito e colpa. Fino a che punto, allora, si può ricorrere per finalità spirituali alle risorse di un’arte dallo statuto espressivo ambiguo come la musica? A partire da questo interrogativo si articolano le differenti strategie di regolamentazione del paesaggio sonoro cinquecentesco messe in atto da cattolici e protestanti. Attraverso una prospettiva d’indagine interdisciplinare, questo studio vuole riflettere sul sodalizio ambiguo fra musica e devozione e ricostruire le modalità attraverso le quali l’esperienza sonora viene vissuta, promossa e repressa nell’Europa della prima modernità.

Prezzo
€ 13.00

Collana
Early modern

Pagine
135

Pubblicazione
Settembre 2019

Condividi su Facebook:

Post Navigation