Talento e formazione

TALENTO E FORMAZIONE
Una conversazione con Doña Petrona, curandera maya

Autore
Anita Gramigna è direttrice del Laboratorio di Epistemologia della Formazione presso l’Università degli Studi di Ferrara, dove insegna Pedagogia generale e Metodologia della ricerca. Nel 2012 è stata nominata ambasciatrice europea della cultura scolastica, nei suoi fini di promozione del diritto universale all’istruzione, dal comitato scientifico del Centro Europeo Internazionale della cultura scolastica (CEINCE). Svolge importanti incarichi di ricerca e didattici presso prestigiose università straniere, dalle quali ha ricevuto dodici nomine a Visiting Professor. Con questa casa editrice ha pubblicato con Y. Estrada Ramos Epistemologia della formazione e Metodologia della ricercaUn’indagine presso la popolazione Maya Kaqchikel del Guatemala, Milano, Unicopli, 2012; Evoluzione e Formazione nel pensiero di Teilhard de Chardin. Lo specifico educativo, Milano, Unicopli, 2018.

Opera
Quando pensiamo al talento di una persona ci viene in mente l’artista, il genio, il campione, l’uomo che sin dalla nascita ha già il germe del successo, quell’elemento che lo differenzia e distanzia da tutti gli altri. Noi crediamo tuttavia che ogni soggetto abbia un talento particolare che deve scoprire, accettare e coltivare al fine di realizzarsi come persona nel suo contesto. Questo significa che quell’individuo, attraverso l’esercizio del suo talento, costruirà la sua autodeterminazione e agirà sul suo ambiente sia esso sociale, culturale o naturale. Il talento è dunque strettamente connesso alla creatività. Nel mentre che si forma, la persona che esprime il suo talento crea, perché opera sul e nel suo ambiente. In questo libro, riflettiamo su questi temi a partire da una lunga intervista con la più importante curandera maya Tz’utujil: Doña Petrona Yojcom Cortez, che ci racconta di aver ricevuto dagli avi il dono arcano e misterioso di curare le persone. Il dono ha molto a che vedere con i sogni, non solo perché il sogno è il luogo dove ne viene enunciato il possesso o perché rappresenta lo spazio formativo nel quale comunicano gli avi e si costruisce la conoscenza, ma anche perché quando il dono sboccia e si muta in pratica al servizio degli altri, lì fioriscono sogni di gioia.

Prezzo
€ 12.00

Collana
Leggereescrivere

Pagine
95

Pubblicazione
Settembre 2020

Condividi su Facebook:

Post Navigation