Itinerario d’Italia di Francesco Scotto (1747)  

 ITINERARIO D’ITALIA di Francesco Scotto (1747)  

Autore

Il giureconsulto e scrittore di Anversa Franz Schott (Franciscus Schottus nella forma latinizzata e Francesco Scotto, o Scoto, in italiano), vissuto a cavallo tra il XVI e il XVII secolo, pubblicò (in lingua latina) l’Itinerario d’Italia per la prima volta nel 1600, durante il Giubileo. Questo libro è un resoconto illustrativo delle città italiane, con un percorso geografico e storico-culturale a zig-zag per le strade postali d’Italia, tale da poterlo considerare la prima moderna guida per il viaggiatore. Si può dire che il secolo XVII, con questa pubblicazione, si pone come spartiacque della lettera­tura “odeporica”.

Opera
Le guide per viaggiare nascono in Italia nel Cinquecento. Nel secolo precedente erano stati dati alle stampe gli Itineraria, una sorta di relazioni o resoconti di viaggio redatti da pellegrini che si erano recati nei luoghi della cristianità, ma non esistevano ancora vere e proprie guide, cioè strumenti atti specificamente a orientare i viaggiatori nei loro percorsi. Nel XVI secolo furono stampate delle sintetiche “guide postali”, ad uso dei viaggiatori tipici del tempo, come i corrieri o i trasportatori di mercanzie. Questi libelli riportavano la mera indicazione dei percorsi, con i tempi e i costi di viaggio, le stazioni della posta e le distanze tra di loro. A partire dal Seicento, le guide iniziarono a descrivere le città e i luoghi attraversati, con illustrazioni anche di carattere geografico, dati demografici con il numero degli abitanti, notizie storiche delle località in questione e dei loro illustri personaggi, informazioni di tipo artistico-culturale e anche informazioni di tipo pratico, con consigli utili per il viaggiatore sui percorsi, a volte evidenziati da rappresentazioni grafiche del tragitto e delle città da attraversare.

Prezzo
€ 20.00

Pagine
242

Pubblicazione
Gennaio 2019

 

Condividi su Facebook:

La strada dell’abbondanza

LA STRADA DELL’ABBONDANZA
Consumi e comunismo in URSS ai tempi di Nikita Chrušcëv

Autore

Giovanni Moretto, dottore di ricerca in “Società europea e vita internazionale nell’età moderna e contemporanea”, svolge attività di ricerca e didattica presso l’Università degli Studi di Milano principalmente nell’ambito di Storia dell’Europa Orientale. Si occupa di storia contemporanea sociale e culturale, specialmente russa e sovietica.

Opera
Il periodo della leadership di Nikita Sergeevicˇ Chrušcˇev rappresento per l’Unione Sovietica un momento di forte rinnovamento sociale e culturale. La dirigenza del paese inizio anche a prestare piu attenzione rispetto al passato ai cittadini come consumatori. Era l’audace sogno di abbondanza (izobilie) che caratterizzo quell’epoca di disgelo, di destalinizzazione e di sfida agli Stati Uniti nel campo del benessere. Protagonisti di questo libro sono proprio i consumatori sovietici degli anni 1953-1964, il loro orizzonte quotidiano e i loro sogni di benessere.

Prezzo
€ 18.00

Pagine
290

Collana
Biblioteca di storia contemporanea

Pubblicazione
Dicembre 2018

 

Condividi su Facebook:

Passeggiata dialettica tra le scienze

PASSEGGIATA DIALETTICA TRA LE SCIENZE  

Autore

Évariste Sanchez-Palencia è nato nel 1941 a Madrid e ha fatto una carriera di ricercatore in meccanica teorica e matematica applicata al CNRS, dove è Direttore di Ricerca Emerito. È membro dell’Académie des Sciences di Francia e del Consiglio di Amministrazione del l’Union Rationaliste.

Opera
Sono ben noti i paradossi della scoperta scientifica: spesso quello che si cerca non viene trovato e quello che si trova non era cercato. E purtuttavia, impossibile da pianificare, difficile da gestire, sempre mal considerata, la ricerca avanza. In un testo controverso, al crocevia delle strade della divulgazione, della storia e della filosofia delle scienze, l’autore esplora la natura della conoscenza e della ricerca con il sussidio di un modo di esposizione che fa ampiamente leva sullo strumento dell’analogia. L’accento è posto su un’interpretazione della ricerca che si avvale della dialettica e dei sistemi dinamici, rispettivamente i due quadri generali, filosofico e matematico, dei fenomeni evolutivi a causalità multipla (talvolta contraddittoria) e non istantanea.

Prezzo
€ 15.00

Pagine
441

Collana
Testi e studi

Pubblicazione
Novembre 2018

 

Condividi su Facebook:

Elio Vittorini

ELIO VITTORINI
La ricerca di una poetica  

Autore

Virna Brigatti è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici dell’Università degli Studi di Milano. Si occupa di letteratura italiana contemporanea, con attenzione alla critica del testo, ai problemi ecdotici connessi con la trasmissione dei testi del Novecento, alla produzione letteraria nel contemporaneo sistema editoriale. Autrice della monografia Diacronia di un romanzo. Uomini e no di Elio Vittorini (1944-1966) (2016), ha pubblicato diversi saggi in rivista e in volume ed è responsabile editoriale della rivista «Prassi ecdotiche della modernità letteraria».

Opera
La storia della letteratura italiana del Novecento non può evitare di prendere in considerazione l’opera narrativa e l’attività di militanza culturale di Elio Vittorini, soprattutto in rapporto alla sua fisionomia di “letterato editore”. Partendo da questa osservazione, ormai ampiamente acquisita dalla critica letteraria, il volume traccia un percorso che approfondisce le trasformazioni dell’idea di scrittura e di letteratura in Vittorini, ponendo in risalto – in particolare attraverso la rilettura dei suoi scritti di intervento critico, pubblicistico e editoriale – gli sviluppi delle riflessioni di argomento estetico e letterario. Dall’analisi emerge con evidenza come le trasformazioni della poetica di Vittorini restituiscano in filigrana i cambiamenti più significativi del contesto in cui lo scrittore si muove, rivelando l’importanza delle sue pagine, per delineare la cultura e la letteratura del suo tempo. Per questo la lente microscopica dell’indagine qui condotta è anche, nello stesso tempo, un’ampia lente telescopica proiettata sulla letteratura dei decenni centrali del Novecento.

Prezzo
€ 18.00

Pagine
375

Collana
Modernistica

Pubblicazione
Novembre 2018

 

Condividi su Facebook:

La legione Parini

LA LEGIONE PARINI
Gli italiani all’estero e la Guerra d’Etiopia (1935-1936)

Autore

João Fábio Bertonha è professore di Storia presso l’Universidade Estadual de Maringá/PR e ricercatore del CNPq, entrambi in Brasile. Si è addottorato in Storia presso l’Universidade Estadual de Campinas, ed è stato visiting fellow presso l’Università La Sapienza di Roma (2010-2011) e l’USP (2012), dove nel 2014 ha acquisito il titolo di Livre Docente in Storia. Tra il 2014 e il 2015 è stato visiting fellow presso lo European University Institute di Firenze e è specialista in difesa e strategia internazionale (National Defense University, USA). È autore di numerosi libri ed articoli pubblicati sia in Brasile che in diversi paesi d´Europa e delle Americhe.

Opera
La Legione Parini era un’unità militare creata da Piero Parini (1894-1993), direttore della Segretaria Generale dei fasci all’estero, per combattere nella guerra d’Etiopia. La Legione raggruppava migliaia di fascisti italiani che vivevano in Europa, nelle Americhe e in Medio Oriente ed fu inquadrata nella 6a Divisione CCNN Tevere. Questo libro ricostruisce la storia della Legione durante la campagna d’Africa e in particolare la storia dei legionari e loro origini geografi che, sociali e culturali. Particolare enfasi viene data alla memoria circa la Legione costruita dalla macchina di propaganda fascista e alla storia delle diverse comunità italiane da dove i legionari partirono, cercando di capire le loro motivazioni per arruolarsi per combattere in una guerra lontana.  

Prezzo
€ 25.00

Pagine
332

Collana
Testi e Studi

Pubblicazione
Novembre 2018

 

 

Condividi su Facebook:

Premiata Ditta Spranzi Aldo Dal 1932

Premiata Ditta Spranzi Aldo Dal 1932.
Una storia vera con la partecipazione della Scienza, della Madonna, del Diavolo e della Felicità

Autore

Aldo Spranzi. Professore ordinario nell’Università di Milano, è un economista industriale con un ricco curriculum nel campo dell’economia dell’arte. Ha sviluppato e portato a compimento una teoria dell’arte si può dire rivoluzionaria, di cui la sperimentazione ha comprovato la validità. Come tante volte è avvenuto nella scienza, l’innovazione si è messa in moto e sviluppata col concorso determinante di fattori casuali attinenti al percorso esistenziale dell’autore, che in questa pubblicazione sono documentati e analizzati.

Opera
Questa è la storia di uno sconosciuto uomo comune, che in quanto tale non interessa a nessuno. Ma, come insinua il sottotitolo dell’opera, accade qualcosa che trasforma la biografia in un racconto giallo, diciamo un giallo biografico. Qualcosa di anormale, di misterioso succede, anche perché quel che occorre appurare è se sia veramente successo o non si tratti di fantasie. C’è di mezzo la Madonna, il Demonio, e poi la Felicità con la maiuscola che non vuol avere nulla a che fare con la felicità con la minuscola… sovrannaturale o paranormale? Anche qui, come in tutti i gialli, il lettore è chiamato a trasformarsi in detective, in investigatore per giungere al chiarimento di una questione ambigua, nella quale la posta in gioco è alta, al di là della pochezza del protagonista. L’analisi biografica è fondamentale, per cogliere le modalità con cui il caso, sempre attivo nelle innovazioni scientifiche, ha svolto il suo ruolo. Il ‘giallo’ non ha ostacolato ma anzi agevolato la realizzazione di questo obiettivo.  

Prezzo
€ 30.00

Pagine
550

Collana
Fuori collana

Pubblicazione
Novembre 2018

Condividi su Facebook:

Carla Voltolina

Carla Voltolina  

Autore

Luisa Steiner nasce a Milano il 25.6.1941. Diplomata al liceo classico si iscrive alla facoltà di agraria. Studia biblioteconomia e insegna in corsi ministeriali promuovendo le sale ragazzi e collaborando tra gli altri con Petter, Munari, Rodari. Giornalista e ricercatrice iconografica pubblica su numerose riviste e volumi di cultura e turismo. Alla morte del padre lavora per cinque anni nello studio Steiner. Come assunta al Touring Club Italiano lavora in biblioteca, fototeca, redazione, centro studi. È autrice di un saggio di biblioteconomia, un libro per ragazzi Bernardino perdifiato, ha curato i volumi Il manifesto politico di Albe Steiner e con Mauro Begozzi Un libro per Lica.
Antonella Braga insegna storia e filosofia nei licei. Dopo la laurea presso l’Università degli studi di Pavia, ha conseguito il dottorato di ricerca in “Storia del federalismo e dell’unità euro­pea”. Studiosa del pensiero antifascista e federalista europeo, ha curato volumi collettanei e pubblicato saggi e monografie, tra cui una biografia politica di Ernesto Rossi. È socia fondatrice della Fondazione “Ernesto Rossi e Gaetano Salvemini” di Firenze. Per la collana Novecentodonne ha curato il volume dedicato a Gisella Floreanini.

Opera
Carla Voltolina (1921-2005) è nota al largo pubblico soprattutto come consorte di Sandro Pertini, Presidente della Repubblica italiana dal 1978 al 1985. Ma, nonostante l’assoluto rilievo della relazione umana e politica con Pertini, l’esperienza culturale, sociale e civile di Carla non è esauribile nel suo ruolo di «consorte». Da qui la ragione di questo volume che prosegue, senza avere la pretesa di concluderla, la ricerca iniziata in occasione del decimo anniversario della sua morte (2015).  

Prezzo
€ 20.00

Pagine
351

Collana
Novecentodonne

Pubblicazione
Novembre 2018

Condividi su Facebook:

Il soffio avvelenato del contagio

“IL SOFFIO AVVELENATO DEL CONTAGIO”
La peste di Noja del 1815-16  

Autore

Alberto Tanturri insegna Storia moderna all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia. È autore di vari contributi sulla storia della medicina e delle istituzioni ospedaliere e assistenziali. Tra questi si ricordano: Tipologie dell’assistenza nel Mezzogiorno: la SS. Annunziata di Sulmona (1320 – 1861) (Chieti, 2006) e “L’infausto dono dell’Arabia”. Vaiolo e vaccinazione nel Mezzogiorno preunitario (1801-1861) (Milano, 2014).

Opera
Tra le ultime comparse della peste in Europa continentale, l’epidemia che colpì la cittadina di Noja (oggi Noicàttaro) nei pressi di Bari, nel 1815-16, fu anche una delle più gravi manifestazioni di tale morbo in quella fase di transito fra la seconda e la terza pandemia, compresa fra la peste di Marsiglia (1720) e quella di Maiorca (1820). L’epidemia costrinse il governo borbonico, appena tornato al potere dopo la lunga parentesi napoleonica, ad adottare mezzi straordinari nel tentativo, riuscito, di circoscrivere il contagio e di provvedere alla cura e all’assistenza della popolazione colpita. Per gli apparati amministrativi preposti a tali compiti, la peste consentì di acquisire più aggiornati strumenti di politica igienica e sanitaria che si sarebbero rivelati utili nel corso dell’Ottocento, permettendo alla burocrazia statale di crescere in modernità, organizzazione ed efficienza.  

Prezzo
€ 15.00

Pagine
187

Collana
Testi e Studi

Pubblicazione
Novembre 2018

Condividi su Facebook:

Corso di lingua cinese intermedio

CORSO DI LINGUA CINESE INTERMEDIO  

Autore

Clara Bulfoni, laureata presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia in Lingue e Letterature orientali (cinese), è professore associato di Lingua cinese presso il Dipartimento di Scienze della Mediazione linguistica e di Studi interculturali dell’Università degli Studi di Milano. Insegna Lingua cinese nel Corso di Laurea triennale in Mediazione linguistica e culturale. I suoi ambiti di ricerca riguardano l’evoluzione della lingua cinese  contemporanea e, in particolare, le innovazioni lessicali dei linguaggi specialistici dell’informatica. Un altro campo di ricerca è la glottodidattica della lingua cinese a italofoni.
Sun Xiaoli, laureata presso l’Università Normale di Shanghai in Lingua e Letteratura cinese e presso l’Università di Torino in Lingue e Letterature straniere, è docente di lingua cinese nel Corso di Laurea Triennale in Mediazione linguistica e culturale e nel Corso di Laurea Magistrale in Lingue e Culture per la comunicazione e la cooperazione internazionale dell’Università degli Studi di Milano.

Opera
Il presente manuale costituisce il seguito del Corso di lingua cinese elementare e completa l’apprendimento delle principali nozioni grammaticali e morfosintattiche della lingua cinese. Si propone, quindi, di fornire le conoscenze indispensabili per l’approccio alla lettura di testi culturali e sociali, storici e politici, nonché quelle per la preparazione agli esami di certificazione della lingua cinese (HSK). Le parole nuove sono state selezionate tra quelle classificate come fondamentali per l’acquisizione delle corrette abitudini linguistiche, ma sono state inserite anche nuove parole in uso nel gergo giovanile e ormai di uso comune. Le competenze lessicali e comunicative, supportate dalla conoscenza della cultura del paese di cui si studia la lingua, permetteranno allo studente di interagire con “l’altro” attraverso una comunicazione che favorirà ad “accorciare” le distanze culturali.  

Prezzo
€ 34.90

Pagine
370

Collana
Fuori collana

Pubblicazione
Novembre 2018

Condividi su Facebook:

Il cinema racconta Milano

Il cinema racconta Milano  

Autore

Marco Palazzini. Laureato in Lettere Moderne, è da sette edizioni uno dei curatori del festival cinematografi co Agenda Brasil. Nel 2012 ha cura to la sezione lusofona della rassegna Docucity. In occasione dell’incontro internazionale Brasile-Italia: andata e ritorno (2016) tenuto all’Università Cattolica di Milano, il suo intervento Brasile: luoghi, narrazioni e immagini dal cinema è stato pubblicato tra gli atti del Convegno.
Mauro Raimondi. Insegnante, ha pubblicato alcuni libri sulla città: Dal tetto del Duomo (Touring Club Italiano, 2007), CentoMilano. La città raccontata dai suoi libri (Frilli, 2006) oltre a curare l’autobiografia di Franco Loi in Da bambino il cielo (Garzanti, 2010). E’ altresì autore di vari libri di storia locale e di letteratura sportiva.
Edoardo Veronesi Carbone. Proveniente da studi classici, si è sempre interessato di cinema e letteratura. Nel 2006 ha pubblicato il libro di poesie Il dottor Birillo (Albalibri).Palazzini M. Raimondi hanno pubblicato Milano Films. La città raccontata dal cinema (Frilli, 2009) e la brochure Cento Milano. I fi lm edito nel 2010 dall’Assessorato al Turismo del Comune di Milano. Hanno partecipato al catalogo della Mostra Milano e il Cinema (Palazzo Morando, 2018-19).

Opera
Era il 1896 quando il cinema iniziava la sua avventura a Milano. Il libro parte dai lavori di quei pionieri (Pacchioni, Comerio) e, attraverso più di quattrocento fi lm, narra il dispiegarsi della Settima Arte in una città che, con il trascorrere dei decenni, passa da simbolo positivo della modernità a luogo “dell’inquietudine e della fuga” per arrivare all’attuale metropoli dai molteplici volti. Testimone almeno parziale del reale, il grande schermo permette di rivivere la Storia stessa di Milano attraverso lo sguardo di quei registi immortali che le hanno “regalato” almeno un lungometraggio (De Sica e Antonioni, Visconti e Rossellini, Pasolini e Olmi) e di maestri più recenti come Nichetti, Salvatores, Soldini e altri. Ma le vicende della metropoli tornano anche nei fi lm di impegno civile e nei poliziotteschi, nei documentari e in quella commedia che ha sicuramente contribuito a creare l’immagine della città. Il tutto, senza dimenticare quelle produzioni alternative che comunque rivestono un loro ruolo nel “fare cinema” a Milano.  

Prezzo
€ 15.00

Pagine
223

Collana
Occasioni

Pubblicazione
Novembre 2018

Condividi su Facebook: