Età della vita e formazione

ETÀ DELLA VITA E FORMAZIONE
Io sono una parte di tutto ciò che ho incontrato

Autore

Anna Marina Mariani, già professore ordinario di Pedagogia generale e sociale presso l’Università degli Studi di Torino, ha pubblicato di recente Diventare adulti, Unicopli 2014; Introduzione alla Pedagogia generale (con S. Kanizsa) Pearson 2020; Insegnare, Morcelliana 2020.
Ennio Ripamonti, formatore e docente all’Università Cattolica di Milano e alla SUPSI (CH), presidente della società di consulenza Metodi, ha pubblicato di recente Centra la scuola (con A. Pozzi e P. Triani), Vita&Pensiero, 2015; Collaborare, Carocci, 2018.

Opera
Il volume affronta le principali caratterizzazioni e le trasformazioni recenti nell’ambito del ciclo di vita delle persone. Vi trovano spazio le specifiche tematiche educative chiamate in causa nelle varie età (dall’infanzia all’invecchiamento) sotto il profilo socio-culturale e pedagogico, con particolare riferimento al ruolo dell’adulto sia nei molteplici ambiti e attività formative rivolte a minori e soggetti fragili sia nei confronti dell’impegno nella propria life-long auto-formazione. Alcune tematiche vengono presentate e discusse a partire da una particolare fase dello sviluppo umano anche se evidentemente intercettano, a vario titolo e peso relativo, l’intero corso dell’esistenza di ogni soggetto in qualità di vere proprie life skills: la gestione delle emozioni e del disagio, la capacità decisionale, l’attivazione della volontà, il costrutto della cosiddetta normalità, ecc.; tutto concorrendo a una sempre maggiore autonomia, obiettivo di ogni intenzionalità educativa. Il volume si rivolge agli educatori e formatori in qualità di premessa/prerequisito, rispetto ad approcci mirati alle specificità di ogni singola età, utile a sottolineare la continuità del soggetto, in tutta la sua complessità, nel percorrere la totalità indivisibile della sua esistenza

 Prezzo
€ 29.00

Collana
Educazione tra adulti

Pagine
427

Pubblicazione
Febbraio 2021

Condividi su Facebook:

Attaccamenti, separazioni, perdite

Attaccamenti, separazioni, perdite
L’importanza di una base sicura nelle tempeste della vita


Autore
Angelica Arace, psicologa, psicoterapeuta, è professore associato di Psicologia dello sviluppo e dell’Educazione presso l’Università degli Studi di Torino. Da anni si occupa di ricerca sui processi di costruzione dell’identità in infanzia e adolescenza, approfondendo temi quali i legami d’attaccamento, il disagio in famiglia e nei contesti educativi, il maltrattamento infantile. Tra i suoi volumi, Quando i bambini iniziano a… (Mondadori, 2018) e Adolescenti a scuola (Mondadori, 2019)

Opera
Appartenenza e identità rappresentano il binomio psicologico sul quale si fondano le basi dello sviluppo affettivo e relazionale, e i legami di attaccamento, fin dalla primissima infanzia, sono fondamentali nella costruzione dell’identità personale e familiare di ciascun individuo. In particolare, poter fare affidamento su una base sicura rappresenta un ancoraggio fondamentale nelle tempeste della vita, che mettono inevitabilmente alla prova le nostre capacità di resilienza. Il volume si propone di approfondire i nodi problematici derivanti dagli eventi critici che possono condizionare la possibilità di stabilire legami affettivi sicuri e adeguati – in quanto connessi con esperienze di separazione, deprivazione o perdita -, ma intende anche indagare le risorse e le potenzialità di sviluppo sottese ai momenti e ai contesti di rischio per l’individuo e per la famiglia.

 Prezzo
€ 20.00

Collana
Psicologia dello sviluppo sociale e clinico

Pagine
252

Pubblicazione
Febbraio 2021

Condividi su Facebook:

Virtù

VIRTU’


Autore
Arianna Fermani insegna Storia della Filosofia Antica all’Università di Macerata. Tra le sue pubblicazioni: Aristotele e l’infinità del malePatimenti, vizi e debolezze degli esseri umani, Morcelliana 2019; Vita felice umana. In dialogo con Platone e Aristotele, Eum 2006, 20192; L’etica di Aristotele. Il mondo della vita umana, Morcelliana 2012; By the Sophists to Aristotle through Plato. The necessity and utility of a Multifocal Approach, E. Cattanei, A. Fermani, M. Migliori (eds.), Academia Verlag 2016. Ha tradotto integralmente le Etiche di Aristotele (Aristotele, Le tre Etiche, Bompiani 2008, Giunti 2018), Topici e Confutazioni Sofistiche (in Organon, Bompiani 2016).

Opera
L’ ἀρετή di un individuo, come pure quella di un animale o di una realtà inanimata, è per un greco la sua migliore realizzazione, la perfetta esecuzione del proprio compito; la virtù di un qualsiasi essere è ciò per cui ne va del suo valore, ciò che realizza quel determinato essere proprio perché lo fa essere “ciò che è”. Il volume attraversa le ricchissime nozioni di ἀρετή e di virtus, nel lungo e stratificato arco storico che va da Omero a Proclo, intrecciandole a questioni, altrettanto complesse e appassionanti, quali quelle di responsabilità dell’agire, vizio, piacere e dolore, vita felice e così via. In un serrato “corpo a corpo” con i testi e con le riflessioni degli antichi – che oltre che a parlare a noi, su queste tematiche, più che mai, parlano di noi – il testo è impreziosito da due strumenti utili ad orientarsi nei diversi profili, storici e concettuali, del tema d’indagine: Lessico delle virtù e Glossario delle virtù.

 Prezzo
€ 23.00

Collana
Questioni di filosofia antica

Pagine
373

Pubblicazione
Gennaio 2021

Condividi su Facebook:

Dinosauri, demoni, operai

DINOSAURI, DEMONI, OPERAI
Una storia culturale del sottosuolo tra scienza e letteratura 


Autore
Andrea Tenca (1991) ha studiato Tradizione ed interpretazione dei testi letterari e Scienze storiche presso l’Università di Verona. I suoi ambiti di interesse sono la storia culturale e la storia della scienza nell’Ottocento e nel primo Novecento, indagate soprattutto attraverso lo studio di fonti letterarie e divulgative. Questa è la sua prima opera.

Opera
Nel corso dell’Ottocento le discipline del mondo sotterraneo, come la geologia e la paleontologia, conoscono radicali cambi di paradigma. Il sottosuolo, con il suo retaggio simbolico e culturale, diviene il punto d’incontro tra un pensiero scientifico in lotta per presentare un mondo razionale da un lato e, dall’altro, un insieme d’interpretazioni appartenenti a teorie già sconfitte o a paradigmi ancora discussi. In particolare la geologia, fondata sul confronto e la datazione degli strati, afferma che la Terra ha nel sottosuolo una storia misurabile la cui durata, nei decenni seguenti, si dilata sempre di più. Più si discende il vortice della stratigrafia, più ci si avvicina a mondi antidiluviani percorsi da spaventose creature come i dinosauri oppure segnati da civiltà perdute. Questa discesa espone l’essere umano a tre incontri: con l’alterità naturale del passato; con un sentimento del soprannaturale che, nel secolo del positivismo, non è affatto scomparso; con le strutture sociali e produttive che hanno trasformato il sottosuolo in un immenso serbatoio di risorse industriali. Dinosauri, demoni, operai esplora questa materia attraverso la lettura di quei racconti fantastici e fantascientifici che, esaltando o criticando le scienze, svolsero il compito senza
precedenti di divulgarle e raccontarle.

 Prezzo
€ 23.00

Collana
MaelstrÖm – n. 1

Pagine
457

Pubblicazione
Ottobre 2020

Condividi su Facebook:

Ricchezza

RICCHEZZA


Autore
Luca Grecchi svolge attività di insegnamento e ricerca presso le Cattedre di Storia della Filosofia e di Filosofia Morale nell’Università degli studi di Milano-Bicocca. Ha pubblicato, in questa collana, i volumi Natura (2018) e Uomo (2019). Ha curato tre importanti volumi dedicati al pensiero aristotelico: Sistema e sistematicità in Aristotele, Immanenza e trascendenza in Aristotele, Teoria e prassi in Aristotele (Petite Plaisance, rispettivamente 2016, 2017 e 2018). E’ autore anche di Leggere i Presocratici (Morcelliana, 2020).

Opera
Questo volume raccoglie oltre dieci secoli di riflessioni del pensiero antico sulla ricchezza, da Omero ai Padri della Chiesa. Esso mostra come la cultura antica, nella sua essenza umanistica, critichi ogni ricerca di beni materiali (chremata) posta come fine della vita, in quanto tale ricerca risulta irrispettosa degli uomini e della natura. La cultura antica non si limita, in ogni caso, alla critica della crematistica, cercando costantemente di favorire, in maniera progettuale, la realizzazione di un mondo migliore in cui vivere. Questo il motivo principale della sua perenne attualità.

 Prezzo
€ 20.00

Collana
Questioni di filosofia antica

Pagine
215

Pubblicazione
Gennaio 2021

Condividi su Facebook:

Una repubblica per ogni porto

UNA REPUBBLICA PER OGNI PORTO
Venezia e lo Stato da Mar negli itinerari dei Sindici in Levante (secoli XVI-XVII)


Autore
Cristina Setti si è laureata in Storia all’Università di Venezia-Ca’ Foscari nel 2009, presso cui ha poi conseguito nel 2013 la laurea magistrale. Nel 2018 ha conseguito il diploma di perfezionamento in Discipline storiche e il titolo di Doctor Europaeus alla Scuola normale superiore di Pisa. È stata borsista presso l’École normale supérieure de Cachan, l’École française d’Athènes, la Fondation maison de sciences de l’homme di Parigi e la Fondazione Luigi Einaudi di Torino. Attualmente è assegnista di ricerca presso la Scuola Normale Superiore di Pisa. Il manoscritto di questo lavoro è stato insignito del Premio “Pompeo Molmenti” 2020 da parte dell’Istituto veneto di scienze, lettere ed arti.

Opera
I Sindici inquisitori in Levante furono una magistratura veneziana itinerante nata in modo graduale e accidentato a fine Trecento, in un momento di radicale trasformazione dei rapporti tra il patriziato veneziano e gli abitanti dei suoi domini terrestri e marittimi. Attraverso un’analisi accurata delle origini e delle successive evoluzioni di questo istituto, l’opera intende far emergere attitudini, necessità, strategie e rivendicazioni dei soggetti individuali e collettivi incontrati dai Sindici nelle isole greco-venete (parte del cosiddetto Stato da Mar) nel delicato periodo di transizione tra la caduta del regno di Cipro (1570-’73) e quella dell’isola di Creta (1645-’69) in mano ottomana. La vicenda istituzionale, politica ma anche umana dei Sindici Inquisitori si distingue altresì quale strumento utile per comprendere i fenomeni più tipici dell’area levantina secondo un punto di vista alternativo a quelli proposti tradizionalmente dalla storia navale, economica, culturale e religiosa del Mediterraneo nella prima età moderna.

 Prezzo
€ 23.00

Collana
Early Modern

Pagine
308

Pubblicazione
Gennaio 2021

Condividi su Facebook:

La maggioranza silenziosa della Controriforma

LA MAGGIORANZA SILENZIOSA DELLA CONTRORIFORMA
Il cardinale bergamasco Giovanni Girolamo Albani (1509-1591)


Autore
Lorenzo Comensoli Antonini insegna Storia del Cristianesimo all’Università di Tunisi ed è dottore di ricerca in storia moderna e studi storicoreligiosi in cotutela fra l’Università di Padova e la Sorbona. Ha pubblicato saggi sulla controversistica e la profezia nel Cinquecento e sulla genealogia della secolarizzazione. Attualmente si occupa di storia delle idee teologico-politiche fra XVI e XVII secolo.

Opera
Nella prima metà del Cinquecento la Chiesa di Roma dovette misurarsi anche in Italia con la contestazione protestante. In questa lotta, la fazione più intransigente si avvalse di quei membri dei ceti dirigenti che, per tradizione e interessi, rimasero fedeli al papato. A questa maggioranza silenziosa, meno studiata dalla storiografia rispetto alla costellazione eterodossa, appartenne il giurista bergamasco Giovanni Girolamo Albani. Nei suoi trattati, scritti alla vigilia della stagione tridentina, egli prospettò quella esorbitante potenza della curia romana che, decenni più tardi, Paolo Sarpi avvertirà come nefasto esito del Concilio. Pur guardando a Roma, però, Albani rimase a lungo un laico a servizio della Serenissima, per divenire cardinale in età avanzata, grazie al favore di Pio V. Laico e chierico, dunque, la biografia del quale rileva dinamiche e tratti salienti della vita sociale e religiosa del secolo XVI.

 Prezzo
€ 20.00

Collana
Storia lombarda

Pagine
286

Pubblicazione
Novembre 2020

Condividi su Facebook:

Mezzogiorno e integrazione europea

MEZZOGIORNO E INTEGRAZIONE EUROPEA
La Puglia dall’intervento straordinario alla regionalizzazione (1957-1993)


Autore
Antonio Bonatesta (1982), dottore di ricerca in Storia Contemporanea, svolge attualmente attività di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Politiche, Giuridiche e Studi Internazionali (SPGI) dell’Università di Padova. È stato Associate Researcher presso l’Alcide De Gasperi Research Centre dell’Istituto Universitario Europeo (Firenze). I suoi interessi sono prevalentemente rivolti alla storia del Mezzogiorno repubblicano, con particolare riferimento all’integrazione europea e al ruolo dell’intervento straordinario, e della Democrazia cristiana.

Opera
Questo volume si inserisce in un recente filone di studi incentrato su una “storia regionale dell’integrazione europea”, volta cioè a indagare caratteri e limiti delle trasformazioni territoriali indotte dalla costruzione comunitaria. Il tentativo è stato quello di soppesare, con strumenti nuovi, la vicenda dello sviluppo del Mezzogiorno in età repubblicana, analizzando i caratteri delle classi dirigenti meridionali attraverso il peculiare intreccio tra ristrutturazione della sovranità in Europa e regionalizzazione dello Stato. Il lavoro ha assunto come caso di studio la Puglia, nel tentativo di indagare le modalità attraverso cui una società ai margini del capitalismo occidentale, un segmento della “semiperiferia” – come Giovanni Arrighi ha definito i paesi dell’Europa meridionale – è divenuto oggetto di forme di integrazione nazionale e comunitaria, subendo e reagendo ai cambiamenti geopolitici ed economici nel cuore dell’egemonia mondiale.

 Prezzo
€ 25.00

Collana
Testi e studi

Pagine
389

Pubblicazione
Novembre 2020

Condividi su Facebook:

L’integrazione europea e l’opinione pubblica cattolica

L’INTEGRAZIONE EUROPEA E L’OPINIONE PUBBLICA CATTOLICA
Ambienti ecclesiali, circoli intellettuali e associazionismo alla vigilia dell’unione (1945-1954)


Autore
Luca Barbaini ha conseguito il Dottorato di ricerca in “Istituzioni, idee, movimenti politici nell’Europa contemporanea” presso l’Università di Pavia. Le sue ricerche si sono concentrate, in special modo, sulla formazione delle classi dirigenti cattoliche con particolare riferimento alle dinamiche associative e al dibattito culturale interno al mondo ecclesiale, nonché alle ragioni ideali e politiche che ne avevano contraddistinto la precoce sensibilità europeista. Fra le sue pubblicazioni si ricordano CattolicesimoModernitàEuropeismo in Lodovico Montini, Roma, Edizioni di Storia e Letteratura, 2013; Rinnovare la liturgia per riformare la Chiesa. Élite cattoliche a inizio Novecento, Milano, Guerini e Associati, 2020.

Opera
Il volume ripercorre le tappe salienti del dibattito sul processo di integrazione europea che aveva attraversato il mondo ecclesiale italiano, dal 1945 al 1954, attraverso le principali riviste cattoliche. Speciale attenzione è stata riservata alla stampa legata all’associazionismo ufficiale, dall’Azione Cattolica al Movimento Laureati, ai vari periodici a vocazione intellettuale e, in particolar modo, alle riviste che avevano visto la luce in questa fase grazie all’iniziativa di studiosi e accademici destinati a svolgere un ruolo di primo piano nel corso degli anni Cinquanta. Particolarmente interessante il caso della rivista bresciana «Humanitas», su cui si è focalizzato l’ultimo capitolo del volume, per il suo carattere paradigmatico. Ne sono emersi diversi indizi – per quanto provvisori – sui tentativi profusi nei circoli intellettuali e in specifici ambienti dell’associazionismo ufficiale per corroborare, anzitutto sul piano intellettuale, le scelte politiche messe in campo durante questi anni dai governi guidati da Alcide De Gasperi, altrimenti difficilmente metabolizzabili da parte significativa del mondo ecclesiale e, in special modo, da alcuni settori della nuova generazione cattolica.

 Prezzo
€ 19.00

Collana
Storia del Novecento

Pagine
201

Pubblicazione
Novembre 2020

Condividi su Facebook:

Come nascono le storie

COME NASCONO LE STORIE
Pedagogia narrativa per i più piccoli


Autore
Anita Gramigna è direttrice del Laboratorio di Epistemologia della Formazione presso l’Università degli Studi di Ferrara, dove insegna Pedagogia generale e Metodologia della ricerca. Nel 2012 è stata nominata ambasciatrice europea della cultura scolastica, nei suoi fini di promozione del diritto universale all’istruzione, dal comitato scientico del Centro Europeo Internazionale della Cultura Scolastica (CEINCE). Svolge importanti incarichi scientici e didattici presso prestigiose università straniere, dalle quali ha ricevuto dodici nomine a Visiting Professor. Fra i volumi più recenti segnaliamo: con Y. Estrada Ramos Epistemologia della formazione e Metodologia della ricercaUn’indagine presso la popolazione Maya Kaqchikel del Guatemala, Milano, Unicopli, 2016; Evoluzione e Formazione nel  pensiero di Teilhard de ChardinLo specifico educativo, Milano, Unicopli, 2018, Il versante onirico della conoscenza. L’educazione nel mondo ancestrale dell’America Latina, Roma, Aracne, 2019.

Opera
Questo libro offre alcuni esempi di come nascono le storie fra bambini di uno-due anni e adulti di qualsiasi età. I primi imparano a parlare, i secondi imparano la pazienza di veder nascere le storie. Sì, è vero, non è solo un problema di pazienza, è anche di tempo, cosa che è certamente correlata alla prima, ma, non è ancora tutto, quello che veramente è indispensabile, l’ingrediente fondamentale di questo piccolo miracolo creativo, è la capacità (che implica tempo e pazienza) dell’adulto di ascoltare i piccoli e poi di rispondere alle loro sollecitazioni. Solo così noi, malati di frettoloso pragmatismo, di strumentale razionalismo nonché di una buona dose di pigro cinismo, possiamo imparare. Una storia, qualsiasi storia, mette in atto un processo di strutturazione della realtà che, diversamente risulterebbe “ingovernabile”, troppo vasta e disorganizzata. Affinare la competenza narrativa significa affinare l’intelligenza, ovvero, specializzarsi in un modo di pensare al fine di accedere ad esperienze diverse rispetto a quello narrate e accedervi con più strumenti cognitivi. Il gioco narrativo che presentiamo ha lo scopo di esplorare i processi di costruzione di significato con cui i bambini designano e intanto interpretano il mondo.

 

Prezzo
€ 12.00

Collana
Leggereescrivere

Pagine
94

Pubblicazione
Novembre 2020

Condividi su Facebook: