La Scala d’oro

La Scala d’oro
Libri per ragazzi durante il fascismo

Autore
Elisa Rebellato, laureata in Conservazione dei beni culturali a indirizzo archivistico-librario all’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha conseguito il Dottorato in Scienze bibliografiche e documentarie all’Università di Udine. Lavora alla Biblioteca Comunale dell’Archiginnasio di Bologna, dove si occupa di catalogazione di libri antichi. Tra le sue pubblicazioni: La fabbrica dei divieti. Gli indici dei libri proibiti da Clemente VIII a Benedetto XIV (Milano, Sylvestre Bonnard, 2008) e la curatela di Mondadori. Catalogo storico dei libri per la scuola (1910-1945) (Milano, FrancoAngeli, 2008).

Opera
“La Scala d’oro” è una delle più importanti collane per ragazzi italiane del Novecento. Pubblicata in 93 volumi nella prima edizione degli anni Trenta, grazie a ristampe e nuove edizioni raggiunse i cinquant’anni di vita. Alla sua realizzazione collaborarono una trentina di scrittori, alcuni del calibro di Marino Moretti e Diego Valeri, e una ventina di illustratori, i migliori disponibili in quegli anni. Gli archivi di Fernando Palazzi, direttore de “La Scala d’oro” assieme a Vincenzo Errante, e quelli di alcuni collaboratori hanno permesso di indagare le motivazioni che portarono alla nascita della collana e individuare le linee portanti del suo sviluppo. Il progetto, che mirava a proporre i testi classici adattati ai giovani lettori assieme a testi di divulgazione, fu saldamente nelle mani dei direttori, che seppero mantenere fede alle scelte iniziali, nonostante la difficoltà di armonizzare il lavoro di tanti collaboratori.

Prezzo:
€ 22
Pagine:
230
Collana:
AICCRE – L’Europa del libro
Pubblicazione:
Febbraio 2016
Condividi su Facebook: