Sebben che siamo donne

SEBBEN CHE SIAMO DONNE
Per una storia delle sindacaliste della Cgil di Milano (1891-1981)  

Autore

Debora Migliucci (Milano, 1979): Direttrice dell’Archivio del Lavoro, centro di documentazione e ricerca della Camera del Lavoro di Milano. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia delle donne e dell’identità di genere e in Diritto costituzionale. Si occupa di Storia costituzionale e politica e di Storia del lavoro. Tra le sue pubblicazioni: Rappresentare il lavoro. Donne e Camera del Lavoro a Milano, «Percorsi storici. Rivista di storia contemporanea», n.4, 2016.
Fiorella Imprenti (Milano, 1977): Segretaria generale della Fondazione Aldo Aniasi di Milano e componente del comitato scientifi co dell’Archivio del Lavoro. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia delle donne e dell’identità di genere. Si occupa di Storia politica e delle istituzioni e di Storia del lavoro. Tra le sue pubblicazioni: Operaie e socialismo. Mi lano, le leghe femminili, la Camera del Lavoro (1891-1918), Franco Angeli, 2007.

Opera

La pubblicazione sfrutta l’inedita documentazione custodita dall’Archivio del Lavoro e raccoglie i profi li biografi ci di alcune delle donne che hanno militato nella Camera del Lavoro di Milano Si tratta di un lavoro pionieristico che rientra nella tradizione consolidata dei dizionari biografi ci dei movimenti operai e socialisti.

Prezzo
€ 14.00
Pagine
137
Collana
Filo di perle
Pubblicazione
Ottobre 2018

Condividi su Facebook:

Guida al Game Publishing

Guida al Game Publishing  

Autore

Daniele Falcone inizia la carriera nell’industria dei videogame nel 2000, con Multiplayer. it. Parallelamente, crea un team di traduzione ITP, che cura la localizzazione dall’inglese all’italiano di alcuni giochi di ruolo divenuti pietre miliari del settore. Successivamente, fa il suo ingresso in Koch Media, colosso internazionale del publishing e della distribuzione. Con oltre 300 giochi immessi sul mercato, ha lavorato per quasi 20 anni con publisher quali Bethesda, Square Enix, Deep Silver, Sega e Codemasters. Docente di Game Industry Management: Marketing and Publishing Strategies e di Teoria e Tecnica della Distribuzione presso VIGAMUS Academy / Link Campus University, Daniele Falcone è oggi Publishing Director della Divisione Games di Fondazione VIGAMUS.

Opera

La Guida al Game Publishing è il testo ideale per studenti e professionisti che vogliono intraprendere una carriera all’interno della Game Industry. Il volume nasce dall’esigenza di rispondere alle domande di tutti quegli studi di videogiochi indipendenti che, nonostante grandi meriti artistici e tecnologici, non possono avere una risorsa in-house che curi il loro business. Il libro è quindi idealmente rivolto a studi di piccola e media grandezza alle prese con i loro primi prodotti, posti di fronte alla sfida di sostenere il loro modello economico, individuare e anticipare i trend, ottenere un ritorno sugli investimenti e costruirsi una reputation all’interno dell’industria. Tramite case studies e analisi di best practice, il volume accompagna il lettore alla comprensione di concetti complessi tramite un linguaggio semplice e accessibile, con l’obiettivo di trasformarlo in un professionista pronto a vincere le sfide poste dall’industria del videogioco.

Prezzo
€ 15.00
Pagine
163
Collana
Game Academy
Pubblicazione
Settembre 2018

Condividi su Facebook:

Manuale di critica videoludica

Manuale di critica videoludica  

Autore

Giornalista, scrittore e docente universitario, Marco Accordi Rickards è Direttore Generale di Fondazione VIGAMUS, all’interno della quale gestisce il Museo del Videogioco di Roma, VIGAMUS Academy e la conferenza internazionale Gamerome. È docente di Teoria e Critica delle Opere Multimediali e Interattive presso l’Università di Roma Tor Vergata e Professore Straordinario presso Link Campus University. Già Direttore di testate quali CUBE, PSW, PC Games World, Game Pro (EDGE Italia), Game Republic, PSM, Xbox Magazine Ufficiale, Retrogame Magazine e GamesVillage.it, dal 2014 è anche membro della Giuria internazionale di gamescom, il più importante evento di videogiochi in Europa, e dal 2017 fa parte dell’Advisory Board di devcom (Colonia).

Opera

Il Manuale di Critica Videoludica è l’unico testo di riferimento in Italia per chiunque voglia entrare nel settore del giornalismo di videogiochi, e ricoprire così uno dei ruoli più delicati e di garanzia della Games Industry. Oggi più che mai, il Videogioco sta vivendo una crisi d’identità e, tra opere narrative e non, eSports, serious games e free-to-play, non può più essere ricondotto a una categoria univoca; frattanto, nuove modalità di comunicazione mettono in discussione il mestiere del critico, chiamato a esaminare con occhio attento esperienze interattive dalle forme sempre più varie e complesse. Il Manuale, basato su quasi 20 anni di ricerche da parte dell’Autore, risponde all’esigenza di tracciare un’esegesi del videogioco, per fornire al critico nuovi strumenti universali capaci di interpretare tutte le diverse espressioni del fenomeno. Il libro affronta nel dettaglio tutte le problematiche che riguardano la professione giornalistica relativa alla stampa specializzata videoludica, dalle tipologie di articoli all’individuazione del target, per arrivare ai parametri di giudizio applicabili in fase di recensione.

Prezzo
€ 15.00
Pagine
170
Collana
Game Academy
Pubblicazione
Settembre 2018

Condividi su Facebook:

Lifelong learning in università

LIFELONG LEARNING IN UNIVERSITÀ
Storie di studenti non tradizionali  

 

Autore

Andrea Galimberti è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione «Riccardo Massa» dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca ed è convenor del Network «Access, Learning Careers and Identities» di ESREA (European Society for Research on the Education of Adults). I suoi interessi di ricerca, a cui il tema del lifelong learning fa da costante sfondo, si orientano verso le condizioni di partecipazione all’istruzione terziaria e le transizioni nei percorsi di apprendimento e nelle carriere professionali.

Opera

Cosa significa apprendere lungo il corso dell’intera vita? Come l’imperativo «lifelong for all», da perseguire nell’interesse del progresso economico, ma anche in nome dell’equità, dell’inclusione e della coesione sociale, si lega alle missioni accademiche? Queste sono le domande alla base di una ricerca pedagogica volta a illuminare l’esperienza di studenti che provengono da retroterra socio-economici distanti dal mondo accademico e/o che entrano (o rientrano) in formazione in un’età superiore alla norma, seguendo percorsi non lineari. Sono coloro a cui le politiche educative internazionali intendono dare piena cittadinanza culturale all’interno dell’istruzione terziaria, ma che la letteratura di settore definisce come «studenti non tradizionali»: sotto-rappresentati e a maggior rischio di abbandono. Il volume si propone di esplorarne il punto di vista intrecciandolo ai principali dilemmi che oggi attraversano l’università e alle criticità emergenti nella «nuova cultura» del lifelong learning.

Prezzo
€ 14.00
Pagine
155
Collana
Nuove soggettività adulte
Pubblicazione
Settembre 2018

Condividi su Facebook:

Città sotto le bombe

CITTÀ SOTTO LE BOMBE
Per una storia delle vittime civili di guerra (1940-1945)  

Autore

Nicola Labanca insegna Storia contemporanea all’Università di Siena. È Presidente del Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari. Fra i suoi volumi più recenti, oltre a quelli editi in questa stessa collana, Caporetto. Storia e memoria di una disfatta (Mulino 2017) e la curatela (in collaborazione) diRicordare la guerra. Memorialistica e conflitti armati dall’antichità ad oggi (Carocci, 2016).

Opera

Quella della seconda guerra mondiale è una storia, anche, dell’adozione di nuove armi, di nuove tecniche e strategie di guerra, quindi nuove vittime. I bombardamenti aerei, già fuggevolmente apparsi nella grande guerra e poi attentamente pianificati nel ventennio successivo, rappresentarono nel secondo conflitto mondiale uno dei mezzi ritenuti maggiormente decisivi tanto da militari quanto da politici. Il regime fascista non fece eccezione ed anzi fece non poco assegnamento, pianificando le proprie guerre, sulla guerra dall’aria. Purtroppo il regime non fece altrettanta attenzione a preparare il Paese ad una sua difesa dagli attacchi aerei avversari. Avvenne così che, sia nel 1940-1943 sia poi nel 1943-1945, la Penisola e in special modo le città italiane si trovarono impreparate a difendersi dagli attacchi aerei. E le vittime di questi attacchi aerei furono in gran parte civili.

Prezzo
€ 20.00
Pagine
265
Collana
Centro studi e ricerche storico-militari
Pubblicazione
Maggio 2018

Condividi su Facebook:

Diventare autrice

DIVENTARE AUTRICE
Aleramo Morante de Céspedes Ginzburg Zangrandi Sereni  

 

Autore

Elisa Gambaro (Milano 1975) è docente a contratto di Letteratura italiana contemporanea all’Università degli Studi di Milano, dove ha fruito di assegni di ricerca. È stata Visiting Scholar a NYU. Si è occupata di poeti e intellettuali attivi a Milano nel secondo novecento, pubblicando contributi su Fortini, Giudici, Bonfanti, Sereni. Altri interessi riguardano il canone della prosa tra le due guerre e le morfologie saggistiche, grafiche e audiovisive della contemporaneità. È autrice di Il protagonismo femminile nell’opera di Ada Negri (2010) e di saggi su Morante, Ferrante, Mazzantini. Collabora a «Tirature », l’annuario curato da Vittorio Spinazzola, ed è lettrice editoriale per Feltrinelli.

Opera

Cosa significa diventare autrice nel novecento italiano? Per conquistare spazio e prestigio nel campo culturale, le scrittrici hanno sperimentato generi e forme di “ritratto del sé” capaci di rispondere alle attese di un pubblico nuovo e in ascesa. Il libro propone un originale percorso critico attraverso sei autrici rappresentative di questa scommessa, illustrando con rigore analitico le strategie compositive con cui l’identità femminile è stata rinegoziata nelle morfologie delle narrazioni familiari. Ad emergere è un quadro screziato ma organico dell’autorialità femminile in Italia: un fenomeno cruciale e non più trascurabile della nostra modernità letteraria.

Prezzo:
€ 17.00
Pagine:
280
Collana:
Modernistica
Pubblicazione:
Aprile 2018

Condividi su Facebook:

Filosofie francescane

 FILOSOFIE FRANCESCANE  

 

Autore

A.A V.V.

Opera

Doctor Virtualis è una rivista di storia della filosofia medievale, redatta a cura delle cattedre di Storia della filosofia medievale della Università degli studi di Milano. È diretta da Alfio Ferrara, Francesca Forte, Massimo Parodi, Marco Rossini, e in questo numero ospita i contribuiti di: Damonte, Dezza, Franzini, Pullano, Riserbato, Salvestrini.

Prezzo:
€ 15.00
Pagine:
172
Collana:
Doctor Virtualis
Pubblicazione:
Aprile 2018

Condividi su Facebook:

Due modernità

DUE MODERNITÀ
Saggio sulle pagine culturali dell’“Unità” (1945-1956)

Autore

Bruno Pischedda insegna Letteratura italiana contemporanea presso l’Università degli Studi di Milano. Tra i suoi studi maggiori si segnalano: La grande sera del mondoRomanzi apocalittici nell’Italia del benessere (2004); Scrittori polemisti. Pasolini, Sciascia, Arbasino, TestoriEco (2011); L’idioma molesto. Cecchi e la letteratura novecentesca a sfondo razziale (2015): con cui ha vinto l’87sima edizione del Premio Viareggio per la saggistica. Nel biennio 1998-1999 ha diretto il periodico “Linea d’ombra” e per anni ha scritto di argomenti librari sull’inserto domenicale del “Sole 24 ore”.

Opera
Nell’ambito degli studi su cultura e giornalismo Due modernità occupa un posto singolare, perché non si limita a individuare un settore, ma ricomprende ogni aspetto del dibattito pubblico in una sola e affascinante prospettiva. Al centro trova posto “l’Unità” in edizione milanese e il dodicennio considerato, 1945-1956, appare strategico per comprendere le trasformazioni in corso. L’Italia semicontadina è sul punto di cambiare pelle, avanza a grandi passi l’urbanesimo moderno, segnato in profondità dall’americanismo e dalle strategie culturali che distinguono una società di massa. I collaboratori del quotidiano comunista hanno nomi altisonanti; i direttori puntano ciascuno a suo modo su uno svecchiamento delle tecniche comunicative in senso democratico-popolare. La dirigenza del PCI togliattiano reitera gli appelli al realismo e a un’arte sanamente nazionale, chiama a raccolta i ceti colti, alimenta senza sosta il mito dell’URSS. Ma intanto i romanzi gialli e fantascientifici, i fumetti, il cinema di Hollywood e i primi programmi televisivi stanno per mutare definitivamente il costume del paese.

Prezzo:
€ 20.00
Pagine:
312
Collana:
Modernistica
Pubblicazione:
Gennaio 2018

Condividi su Facebook:

Long tv

LONG TV
Le serie televisive viste da vicino

 

Autore
Daniela Cardini è docente di Teorie e tecniche del linguaggio televisivo e di Format e serie tv presso l’Università IULM di Milano. I suoi interessi di ricerca si concentrano da tempo sul tema delle forme della serialità nei media ed in particolare nella televisione. Ha pubblicato in proposito numerosi contributi, tra cui i volumi: La lunga serialità televisiva. Origini e modelli (Carocci, 2004); Le serie sono serie(Arcipelago 2010); Le serie sono serie – seconda stagione (Arcipelago 2015), oltre ad articoli e saggi in volumi collettanei e riviste, tra cui «Imago», «Between», «ComPol», «Series-International Journal of Serial Narrative», «View-Journal of European Television History and Culture».

Opera
Oggi tutti parlano di serie TV. Per gli appassionati sono l’oggetto di continuo discorso sociale. Per la stampa fanno notizia e sollecitano analisi e spiegazioni. Per gli studiosi sono il simbolo delle grandi e talvolta imprevedibili potenzialità narrative dei media. Ma cosa sono le serie TV? Quali le origini, quali i formati che hanno favorito la loro Golden Age, e come stanno cambiando? La serialità contemporanea si riassume nel termine “complessità”: la televisione, il cinema ed il web contribuiscono a costruire un racconto denso e affascinante, di cui in questo volume si rintracciano alcune coordinate fondamentali. A partire dalle radici della serialità classica si affrontano alcune questioni aperte, come la rilevanza della dimensione produttiva, le ragioni delle recenti innovazioni di formato, la centralità della fi gura dell’antieroe come motore narrativo. Dopo aver analizzato i fondamenti, gli strumenti di analisi e le prospettive, si prendono in esame alcuni esempi delle tendenze più interessanti degli ultimi anni: da Game of Thrones a Gomorra, da House of Cards a The Young Pope, da Stranger Things a Narcos.
Condividi su Facebook:

Superare Caporetto

SUPERARE CAPORETTO
L’esercito e gli italiani nella svolta del 1917  
Autori

Luca Gorgolini è ricercatore presso l’Università degli studi della Repubblica di San Marino ed è docente a contratto di Storia contemporanea presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.
 Fabio Montella è giornalista professionista e ricercatore. Per Unicopli ha pubblicato il saggio Cure e protesi per i mutilati nel volume Guerra e disabilità a cura di Nicola Labanca (2016) ed è tra i curatori del Dizionario storico dell’antifascismo modenese (2012).
Alberto Preti è professore associato di Storia contemporanea nell’Università degli Studi di Bologna.

Opera
La sconfitta di Caporetto fu un momento di cesura importante, per molti versi di svolta, nella storia della Grande Guerra condotta dall’Italia. Quanto accadde nei giorni e nelle settimane successive alla notte tra il 23 e il 24 ottobre 1917 ebbe effetti dirompenti non solo sul piano strettamente militare e strategico, ma anche sul versante del fronte interno, della sua mobilitazione, della storia politica del primo conflitto mondiale: l’occupazione dei territori invasi determinò l’odissea di migliaia di civili profughi costretti ad abbandonare le proprie case; il controllo statale sull’economia e sulla società conobbe un’ulteriore estensione; il problema del consenso all’interno della popolazione e tra le fila dei soldati venne posto al centro della riflessione dei rinnovati vertici dell’esecutivo nazionale e dello Stato Maggiore dell’esercito; sul piano delle forze armate la sua riorganizzazione venne realizzata tentando di superare il precedente modello coercitivo, e si passò da una strategia bellica offensiva ad una difensiva. Il libro intende offrire uno sguardo ampio e inedito sugli effetti che quella sconfitta ebbe non solo sull’esercito e sul corso della guerra nazionale.
Prezzo:
€ 25
Pagine:
257
Collana:
Fuori collana
Pubblicazione:
Ottobre 2017
Condividi su Facebook: