Fogli in uniforme

Fogli in uniforme
La stampa per i militari nell’Italia liberale

Curatore
Nicola Labanca insegna Storia contemporanea all’Università degli studi di Siena ed è Presidente del Centro interuniversitario di studi e ricerche storico-militari.

Opera
Al tempo dell’Italia liberale, fra l’Unità e la Grande guerra, i militari leggevano. Al di là della stampa più tecnica preparata dagli Stati maggiori, esisteva infatti una ricca pubblicistica periodica specificamente indirizzata agli ufficiali e ai sottufficiali dell’Esercito e della Marina. A scriverli erano militari in servizio o in pensione, ma anche civili sinceramente interessati e competenti in questioni belliche. Il fatto era che allora gli ufficiali erano parte integrante della classe dirigente nazionale e che un sistema politico liberale permetteva, ovviamente con qualche riserbo, un certo dibattito sulle questioni militari. Condizioni che il fascismo distrusse e che l’Italia repubblicana e democratica è sembrata disinteressata a ricreare. Per tali ragioni l’esperienza di quei ‘fogli in uniforme’ è stata dimenticata. Le loro collezioni, peraltro di assai difficile reperibilità, non sono state più studiate. Gli autori di questo volume invece finalmente analizzano questi giornali, ne spiegano la ricchezza come fonte e come specchio di una mentalità e di un intero periodo storico.

Prezzo:
€ 22

Pagine:
273

Collana:
Studi e Ricerche Storico-Militari

Pubblicazione:
Marzo 2016

Condividi su Facebook:

Guerra e disabilità.

Guerra e disabilità.
Mutilati e invalidi italiani e primo confl itto mondiale.

Autore:

Nicola Labanca insegna Storia contemporanea all’Università degli studi di Siena.
Opera:

L’enfasi retorica sulla guerra combattuta, sul conflitto vinto, persino sui morti in battaglia visti come vite sacrificate per il trionfo ha troppo spesso lasciato da parte molte altre storie: storie che pure ci dicono molto della guerra, dei suoi meccanismi e dei suoi fi ni. È successo così per chi dal conflitto è tornato, non morendoci, ma subendo irreversibili ed evidenti disabilità. Di questi combattenti, di questi cittadini, spesso ci si è dimenticati. La vicenda dei mutilati della prima guerra mondiale, tornati a casa dal fronte con il corpo o l’animo fortemente segnati, è una conferma di questa regola. Riutilizzati dopo il conflitto fino a che potevano essere utili per le più pesanti retoriche di guerra, i mutilati sono poi stati lasciati alle loro difficoltà, al dolore degli individui e delle loro famiglie, con alcuni sostegni ma al fondo senza quel supporto che pure la loro tragica esperienza aveva loro intitolato. Gli autori di questo volume ripercorrono la soggettività dei mutilati all’interno di una società postbellica che sembrava glorificarli ma di fatto li escludeva con i suoi pregiudizi e le sue prevenzioni.

Prezzo:
€ 30

Pagine:
275

Collana:
Studi e ricerche storico militari

Pubblicazione:
Novembre 2016

Condividi su Facebook: