Padre Bresciani in montagna

PADRE BRESCIANI IN MONTAGNA
Paesaggio come propaganda  

Autore

Daniela Codeluppi, nata a Reggio Emilia nel 1988, si è occupata, con alcuni saggi in rivista, del reimpiego dei miti classici nella tradizione letteraria, ha curato per Unicopli il volume antologico La Pastorale e collabora con la cattedra di Letteratura Italiana dell’Università degli Studi di Parma.

Opera
Lasciato ai margini della geografia letteraria, il paesaggio montano è entrato da protagonista nella letteratura europea grazie alla corrente culturale romantica. Originale è il caso di padre Antonio Bresciani, gesuita fieramente antiromantico, che scelse di sfruttare il potenziale espressivo offerto dal Tirolo e dalle Alpi occidentali per dare sfogo alla propria vena descrittiva e fare della montagna uno strumento di propaganda reazionaria. Il presente volume contiene il testo delle lettere pubblicate dall’abate nel 1843, con il titolo di Sopra il Tirolo tedesco e Viaggio nella Savoia nel Fossigny e nella Svizzera, corredato di un saggio introduttivo.

Prezzo:
€ 12.00
Pagine:
95
Collana:
La montagna scritta
Pubblicazione:
Febbraio 2018

Condividi su Facebook:

La montagna scritta

La montagna scritta

Piccole storie del paesaggio alpino

Autori
Rinaldo Rinaldi, nato a Torino nel 1951, ha insegnato Lingua e Letteratura Italiana dal 1978 al 1994 presso la Rijksuniversiteit di Groningen (Olanda). Dal 1995 è professore ordinario di Letteratura Italiana presso l’Università degli Studi di Parma. Dirige la rivista elettronica Parole rubate. Rivista internazionale di studi sulla citazione / Purloined Letters. An International Journal of Quotation Studies sul sito www.parolerubate.unipr.it. Si occupa di Umanesimo e Rinascimento, di Otto-Novecento e di letteratura comparata. Ha pubblicato volumi su Leon Battista Alberti, Niccolò Machiavelli, Filippo Tommaso Marinetti, Carlo Emilio Gadda, Pier Paolo Pasolini, Georges Perec. Ha curato l’edizione e il commento delle Opere politiche e della Mandragola di Machiavelli, e diMerope IV. Sogni e fantasia di Quattr’Asterischi di Vittorio Imbriani.

Opera
Il paesaggio alpino, entrato a buon diritto nella grande mitologia romantica, ha subito una lunga serie di metamorfosi nelle diverse forme di scrittura di montagna che si sono affermate nella cultura moderna, dal Settecento a oggi. Il lavoro di Rinaldi esamina alcune di queste scritture e insieme il gioco di alternative che tutte le attraversa (montagna degli sportivi o dei montanari? montagna eterna o moderna? montagna oggettiva o soggettiva? montagna dei viaggiatori o dei letterati?), ispirandosi anche a una personale passione dell’autore per l’alpinismo.

Prezzo:
€ 13
Pagine:
127
Collana:
La montagna scritta
Pubblicazione:
Aprile 2017
Rassegna stampa
Condividi su Facebook: