Il cinema arte dei corpi

IL CINEMA ARTE DEI CORPI

Autore

Micaela Veronesi. Studiosa indipendente, ha dedicato le sue ultime ricerche sulla storia del cinema delle origini e sul linguaggio cinematografico, con una particolare attenzione alla produzione femminile. Ha partecipato a molti convegni di ambito cinematografico, archivistico e storico. Ha pubblicato Le soglie del film. Inizio e fine nel cinema (Kaplan, 2005) e numerosi saggi. Collabora con il periodico «Segnocinema» ed è coinvolta nel progetto internazionale Women Film Pioneers (https://wfpp.cdrs.columbia.edu/). Insegna Lettere nella scuola secondaria di secondo grado.
Francesca Brignoli. Studiosa indipendente, specialista del cinema di Liliana Cavani (Liliana Cavani. Ogni possibile viaggio, 2011). S’è occupata d’attorialità con i volumi Ingrid Bergman. La vertigine della perfezioneMarilyn Monroe. Inganni (Le Mani, 2010, 2014, con Nuccio Lodato) e, tra i saggi, The Work of Actor Febo Mari, in M. P. Pagani, P. Fryer, Eleonora Duse and Cenere (Ashes). Centennial Essays (MacFarland, 2017), Mickey Rourke: eccelsa irregolarità, in A. Scandola (a cura di), Hollywood Men. Immagine, mascolinità e performance nel cinema americano contemporaneo (Kaplan, 2018). È dipendente del Comune di Pavia.

Opera

Fra tutti i corpi visibili sugli schermi, quello di Marilyn è certamente uno dei più carichi di significati. Esso infatti non è stato solo oggetto di visione, ma interprete primo d’una femminilità complessa e conturbante, che ha segnato l’immaginario al punto da diventare mito, oggi ancor vivo. Un corpo interpretato e non solo esposto dunque, che ha dato forma a una fra le categorie centrali della sensibilità contemporanea. Questo volume indaga il rapporto tra corpo e cinema quale luogo privilegiato della rappresentatività dei corpi ed espressione, tecnologica e artistica, dell’interazione fra corpi e mondo. Due i sentieri verso il tema: Atlante è dedicato all’attore, centro della costruzione filmica, che con la sua carica originale epidermica e fotogenica fa scaturire con il corpo una percezione ulteriore; Anatomie vede l’affondo in film che espongono in maniera speciale dettagli di corpo, anzi, film costruiti in maniera inequivocabile amplificando particolari anatomici di grande forza costruttiva, in alcuni casi mitopoietici.

Prezzo
€ 17.00

Collana
Lo scudo d’Achille

Pagine
180

Pubblicazione
Ottobre 2019

Condividi su Facebook:

Post Navigation