Laicità e religione

LAICITÀ E RELIGIONE
Una proposta in 17 tesi per l’istruzione pubblica  

Autore

Giuseppe Deiana è stato docente di Storia e Filosofia nei licei. Attualmente è presidente dell’Associazione Centro Comunitario Puecher di Milano. Tra i suoi scritti: (con Alessandro Cavalli), Educare alla cittadinanza democratica, Carocci, Roma 1999; Io penso che la storia ti piace, Edizioni Unicopli, Milano 1999; Insegnare l’etica pubblica, Erickson, Trento 2003; Bioetica e educazione, Ibis Edizioni, Pavia 2005; Istruisce ma non educa. Educazione morale e pedagogia civile per formare cittadini competenti, attivi e responsabili, Pellegrini, Cosenza 2011; Nel nome del fi glioLa famiglia Puecher nella Resistenza, Mursia Editore, Milano 2013; Là dove c’erano le fabbriche, Edizioni Unicopli, Milano 2015; La rivoluzione dei giusti. Un’alternativa alla globalizzazione dell’indifferenza, Mimesis Edizioni, Milano 2016; Grido della Terra e lotta di liberazione. La resistenza contro l’etnocidio e l’ecocidio nell’Amazzonia planetaria, Edizioni Unicopli, Milano 2017.

Opera
È tempo di andare oltre il confessionalismo concordatario per lo studio delle religioni con metodo storico-scientifico: una sfida culturale della formazione pubblica, nella società post-secolare, per educare la mente alla laicità, sconfiggere l’analfabetismo religioso e formare cittadini adulti in uno Stato laico e democratico; per potenziare la laicità della democrazia come terreno comune della politica, della società, della cultura e della religione. Per l’affermazione cioè di un nuovo personalismo civile e di un nuovo umanesimo culturale, capaci di rispondere alle sollecitazioni del pluralismo religioso con nuove forme di inclusione, giustizia e uguaglianza, messe in relazione con i grandi cambiamenti dell’epoca presente.

Prezzo:
€ 13.00
Pagine:
161
Collana:
Nuovi incroci
Pubblicazione:
Marzo 2018

Condividi su Facebook:

Corri compagno, il vecchio mondo ti sta dietro

CORRI COMPAGNO, IL VECCHIO MONDO TI STA DIETRO 
Cronache del ’68

Autore

Silvia Casilio ha conseguito il Dottorato di ricerca in Storia Politica Contemporanea presso l’Università di Macerata. Attualmente collabora con la cattedra di Storia contemporanea dell’Università di Teramo. Studiosa degli anni Sessanta e Settanta del ‘900, si è occupata di violenza politica, gruppi e movimenti politici e controculture. Negli ultimi anni, grazie alla collaborazione con l’Osservatorio di Genere, di cui è socia fondatrice e membro del Direttivo, si è dedicata allo studio della storia delle donne e delle tematiche di genere. Tra le sue pubblicazioni: Una generazione d’emergenza (Le Monnier, 2013) e con Loredana Guerrieri, Il ’68 diffuso (voll. 1-2, Clueb, 2009).

Opera
Il 1968 fu tante cose: cambiamento, rivoluzione, conflitto, moda, musica, arte e ideologia. Ma fu anche e (forse) soprattutto parola: dalla presa di parola rivendicata dagli studenti e dalle studentesse nelle aule scolastiche e universitarie, alle migliaia di parole cantate, urlate, scritte e a volte agite da chi visse quegli anni così densi di eventi e trasformazioni. Questo volume vuole essere un tentativo di raccontare tutto questo attraverso le parole del Sessantotto. Sfogliandolo ci si potrà imbattere nelle riflessioni degli opinionisti dell’epoca, penne nobili del giornalismo italiano, che, già adulti, cercavano di comprendere le ragioni di chi, i giovani, rivendicava un protagonismo inedito e diritti scandalosamente controcorrente. Ma queste pagine ospitano anche le parole dei giovani, uomini e donne, contestatori, cattolici del dissenso, operai, intellettuali, che vissero l’onda d’urto del movimento spinti dall’urgenza di costruire un altro mondo possibile.

Prezzo:
€ 12.00
Pagine:
122
Collana:
Nuovi incroci
Pubblicazione:
Marzo 2018

Condividi su Facebook:

Capitalismi del Novecento

CAPITALISMI DEL NOVECENTO
Riflessioni su percorsi e strumenti

Autore

Edoardo De Marchi ha insegnato Storia nella secondaria superiore ed è stato docente di discipline economiche presso l’Università “Ca’ Foscari” di Venezia. Si è dedicato a studi relativi all’intreccio fra trasformazione del capitalismo ed evoluzione dei paradigmi economici, tra i quali Oltre il fordismo (Unicopli 1999, con G. La Grassa e M. Turchetto), Verso un nuovo capitalismo (Unicopli 2007, con G. La Grassa), L’economia politica del capitalismo industriale (Unicopli 2011). In qualità di autore e di coordinatore ha partecipato alla stesura di testi di Economia e di Storia.

Opera
L’intento di questo volume è porre le premesse per una ricostruzione del contesto storico e teorico entro cui si è sviluppato il dibattito sul capitalismo novecentesco e sui suoi esiti attuali, individuando gli elementi di continuità e rottura. La prima parte del libro ripercorre le trasformazioni economiche del Novecento attraverso un’esposizione che evidenzia in esse alcuni nuclei di fondo: i mutamenti interni al processo di lavoro e all’impresa, la finanziarizzazione e la conflittualità intercapitalistica, la parabola del capitalismo di stato sovietico. La seconda parte si sofferma invece sugli strumenti teorici attraverso i quali si è cercato di dar conto delle trasformazioni del capitalismo, nel cui ambito le impostazioni marxiste hanno giocato un ruolo di primo piano. Vengono così precisati i percorsi storici di tali analisi, a confronto con le concezioni di Keynes e di Schumpeter. La discussione critica degli sviluppi teorici intervenuti negli ultimi decenni, contenuta nel capitolo conclusivo, indica la direzione verso cui possono puntare le indagini future.

Prezzo:
€ 15.00
Pagine:
286
Collana:
Testi e studi
Pubblicazione:
Marzo 2018

Condividi su Facebook:

Lezioni su Olivetti

LEZIONI SU OLIVETTI
Storia, editoria, design  

Autori

Mauro Broggi, laureato in filosofia, ha lavorato alla Olivetti dal 1984 al 1992 in qualità di assistente al Direttore di Corporate Image Renzo Zorzi. In seguito, per più di vent’anni, ha ricoperto il ruolo di Direttore Immagine e Comunicazione e Direttore Pubblicità presso Periodici San Paolo. Dal 2015 si occupa soprattutto di progetti di comunicazione social per personaggi pubblici e realtà del Terzo Settore. Ha scritto il libro intervista a Nando Pagnoncelli Le opinioni degli italiani non sono un’opinione (La Scuola), vincitore del Premio Capri 2009 per la saggistica.
Pier Paride Vidari vive ed opera a Milano dove si è laureato in architettura presso il Politecnico nel quale oggi è docente. Ha insegnato e tenute conferenze in numerose università e istituzioni in Italia e all’estero, È stato consulente alle attività di Corporate Identity Attività Culturali Olivetti per circa venti anni. Ha realizzato (1980) il Centro Comunicazione del Design Olivetti. Più recentemente (2008) è stato curatore e progettista della mostra Olivetti 1908-2008 – Il progetto industriale e (2009) Architetture Olivetti per l’infanzia presso il museo Civico P. A. Garda di Ivrea.

Opera
Renzo Zorzi (1921-2010), l’editor che diede il titolo a Se questo è un uomo di Primo Levi, fu chiamato a Ivrea da Adriano Olivetti di cui seppe poi rilevare con successo il ruolo di organizzatore culturale. Nella lunga intervista inedita (2005) che qui presentiamo e nella trascrizione delle sue lezioni agli studenti del Politecnico di Milano tenute nel 2000, si ricompone il mosaico di cinquant’anni di attività culturali della Olivetti come espressione di una filosofia e di uno stile inimitabile. Laureato in Lettere all’Università di Padova, tra il 1945 e il 1946, diresse il quotidiano “Verona libera”. Dal 1947, trasferitosi a Torino, lavorò per la casa editrice De Silva e quindi per la Nuova Italia di Firenze. In seguito passò alle Edizioni di Comunità assumendone la direzione nel 1960. Dal 1965 al 1986 ricoprì l’incarico di responsabile del design e delle attività culturali della Olivetti, progettando e organizzando grandi mostre internazionali d’arte e di design. Tra le sue pubblicazioni: L’estate del Quarantadue, Rusconi, 1988, Nella trama della storia, Marsilio, 1990, Gli anni dell’amicizia, Neri Pozza, 1991.

Prezzo:
€ 15.00
Pagine:
181
Collana:
Occasioni
Pubblicazione:
Marzo 2018
Rassegna stampa:
Il Sole24ore Domenica. Quando Olivetti era il meglio al mondo.

Condividi su Facebook:

Orientare l’opinione pubblica

ORIENTARE L’OPINIONE PUBBLICA
Mezzi di comunicazione e propaganda politica nell’Italia fascista  

Autore

Simona Salustri svolge attività di ricerca presso l’Università di Bologna dove è docente a contratto di Storia contemporanea e History of Mass Communication nella Scuola di Lingue, e Storia dei mezzi di comunicazione di massa nel master in Comunicazione storica. Ha pubblicato volumi e saggi sulla storia del fascismo – con particolare attenzione al mondo dell’alta cultura, agli aspetti politico-organizzativi, alla società e alle donne –, sul periodo di transizione tra il Ventennio e l’Italia repubblicana, sui movimenti del ’68 e del ’77, sul tema del rapporto storia-memoria e sulla sua divulgazione attraverso i media.

Opera
Il volume affronta il tema della propaganda politica nel fascismo italiano grazie ad un approfondimento sull’uso e l’incidenza dei mezzi di comunicazione di massa nella diffusione dell’ideologia fascista e di alcuni dei suoi miti. L’analisi muove da una riflessione più ampia che ricostruisce storicamente i significati assunti dal termine propaganda e prende in considerazione l’evoluzione dei principali mass media per introdurre lo specifico contesto in cui il fascismo sviluppò la propria azione di orientamento dell’opinione pubblica italiana.

Prezzo:
€ 17.00
Pagine:
200
Collana:
Comunicazione storica
Pubblicazione:
Marzo 2018

Condividi su Facebook:

Qui e altrove

QUI E ALTROVE
Divinità trasposte, pellegrinaggi sostitutivi e immaginazione geografica nell’India del Nord  

Autore

Vera Lazzaretti è Dottore di Ricerca in Studi Euro-Asiatici (sezione di Indologia). Ha collaborato con l’Università degli Studi di Milano prima come docente del laboratorio “Percorsi di geografi a sacra indiana: luoghi e tradizioni” e poi sviluppando un progetto di ricerca sull’evoluzione di una particolare tipologia di pellegrinaggio nell’India del Nord. Attualmente è postdoctoral fellow presso l’Università di Oslo e fa parte del progetto “Indian Cosmopolitan Alternatives”, per il quale sta lavorando a uno studio storico ed etnografi co sull’area del tempio Kashi Vishvanath e della moschea Gyan Vapi nel centro di Banaras, nell’India del Nord.

Opera
Qui e altrove fornisce uno sguardo articolato su una dinamica religiosa centrale nell’induismo. Attraverso lo studio di un gruppo di templi “replica” situati a Varanasi (Banaras), il lavoro propone una lettura inedita della trasposizione spaziale di forme divine e centri sacri, e lo fa combinando lo studio della letteratura di glorificazione dei luoghi santi con la ricerca etnografica presso i santuari contemporanei dedicati alle forme divine prese in esame. La metodologia volutamente mista proposta rende possibile l’accesso a tradizioni locali stratificate nel tempo e trasmesse attraverso una pluralità di “voci” e canali. Il percorso ci permette poi di osservare da vicino le strategie che gli attori sociali adottano per riprodurre le connessioni tra i luoghi del qui e dell’altrove e collocarsi all’interno di più ampi paesaggi, tangibili o immaginati. Dialogando con concetti e riflessioni dell’antropologia dei luoghi e dello spazio, il lavoro fornisce un’analisi sistematica di un fenomeno religioso che ha vasta diffusione nella geografi a sacra indiana e che tuttavia non è estraneo a tradizioni religiose a noi più familiari.

Prezzo:
€ 17.00
Pagine:
222
Collana:
Biblioteca di studi antropologici
Pubblicazione:
Febbraio 2018

Condividi su Facebook:

Padre Bresciani in montagna

PADRE BRESCIANI IN MONTAGNA
Paesaggio come propaganda  

Autore

Daniela Codeluppi, nata a Reggio Emilia nel 1988, si è occupata, con alcuni saggi in rivista, del reimpiego dei miti classici nella tradizione letteraria, ha curato per Unicopli il volume antologico La Pastorale e collabora con la cattedra di Letteratura Italiana dell’Università degli Studi di Parma.

Opera
Lasciato ai margini della geografia letteraria, il paesaggio montano è entrato da protagonista nella letteratura europea grazie alla corrente culturale romantica. Originale è il caso di padre Antonio Bresciani, gesuita fieramente antiromantico, che scelse di sfruttare il potenziale espressivo offerto dal Tirolo e dalle Alpi occidentali per dare sfogo alla propria vena descrittiva e fare della montagna uno strumento di propaganda reazionaria. Il presente volume contiene il testo delle lettere pubblicate dall’abate nel 1843, con il titolo di Sopra il Tirolo tedesco e Viaggio nella Savoia nel Fossigny e nella Svizzera, corredato di un saggio introduttivo.

Prezzo:
€ 12.00
Pagine:
95
Collana:
La montagna scritta
Pubblicazione:
Febbraio 2018

Condividi su Facebook:

La Repubblica dei territori

La Repubblica dei territori
Ludovico Camangi dall’ascesa del fascismo al centro-sinistra  

Autore

Stefano Mangullo (1983) ha conseguito nel 2011 il dottorato di ricerca in “Storia politica e sociale dell’Europa moderna e contemporanea” presso l’Università di Roma Tor Vergata, dove attualmente insegna storia contemporanea. I suoi principali interessi di ricerca riguardano la storia dei partiti politici, l’intervento straordinario nel Mezzogiorno e gli studi territoriali. Ha all’attivo diverse pubblicazioni. Nel 2017 è stato co-curatore del catalogo della mostra Antonio Gramsci e la Grande guerra.

Opera
Mazziniano, ingegnere, uomo della provincia laziale e a lungo esponente politico nazionale, Ludovico Camangi (1903-1976) è stato una figura di rilievo nella storia del Partito repubblicano italiano nella seconda metà del Novecento. Il libro ricostruisce il cinquantennio della sua vita compreso tra l’inizio degli anni Venti e la fine degli anni Sessanta, tra l’ascesa del fascismo e la parabola del primo centrosinistra, al quale partecipò nella convinzione che per il Pri si trattasse di un’occasione storica per realizzare il “terzo tempo sociale” della rivoluzione di Mazzini. Il focus si sofferma su alcuni aspetti e passaggi fondamentali della biografia di Camangi: l’apprendistato nella Gioventù repubblicana e i rapporti con Giovanni Conti; l’esperienza professionale nella bonifica integrale delle paludi pontine; l’elezione alla Costituente nel 1946 e le proposte avanzate in quella sede; i successivi incarichi di sottosegretario (unico) ai Lavori Pubblici durante la prima legislatura e di sottosegretario all’Agricoltura dal 1962 al 1968 nei governi di Amintore Fanfani e Aldo Moro.

Prezzo:
€ 20.00
Pagine:
330
Collana:
Testi e studi
Pubblicazione:
Febbraio 2018

Condividi su Facebook:

Dizionario dei fatti italiani 1861-2018

Dizionario dei fatti italiani 1861-2018

Autore

Sandro Liberali, Piero Albisetti

Opera
Anno per anno, giorno per giorno, la cronaca e gli eventi del Regno d’Italia e della Repubblica.

Prezzo:
€ 19.00
Pagine:
547
Collana:
Occasioni
Pubblicazione:
Gennaio 2018
Rassegna stampa:
https://www.radioradicale.it/scheda/535477/conversazione-con-sandro-liberali-autore-insieme-a-piero-albisetti-del-dizionario-dei

Condividi su Facebook:

Evoluzione e formazione nel pensiero di Teilhard de chardin

EVOLUZIONE E FORMAZIONE NEL PENSIERO DI TEILHARD DE CHARDIN
Lo specifico educativo

Autore

Anita Gramigna, insegna Pedagogia generale e Metodologia della ricerca presso l’Università di Ferrara. Nominata Ambasciatrice Europea della Cultura Scolastica e della Ricerca Educativa da Parte del Comitato Scientifico del CEINCE, è Professoressa Onoraria del Museo di Storia dell’Educazione dell’Università di Siviglia, della Facoltà di Educazione dell’Università di Salamanca, nonché della scuola di Storia dell’Università di San Carlos de Guatemala. Ha conseguito ben 11 nomine a visiting profesor da parte di prestigiose università straniere e collabora con numerose riviste scientifiche in Europa e in America. Conta circa 200 pubblicazioni. Fra gli ultimi volumi ricordiamo: Il Mondo degli IncantiUn’indagine di campo presso la tribù Yaqui del Sonora, (in collaborazione con Carlo Rosa), Roma, Aracne, 2016. Epistemologia della formazione e Metodologia della ricerca. Un’indagine presso la popolazione Maya Kaqchikel del Guatemala, in collaborazione con Yolanda estrada Ramos, Milano, Unicopli, 2016.

Opera
In questo testo cercherò di tracciare il senso formativo che connota l’avventura scientifica di Pierre Teilhard de Chardin. Si tratta, a mio avviso, di un itinerario educativo che si volge alla ricerca della verità radicale della vita e del suo senso profondo. Il pensiero di Teilhard ci offre la possibilità di interrogarci sul significato del sacro, sul senso esistenziale della trascendenza, sul ruolo formativo della spiritualità e ci può aiutare a interpretare con competenza non solo le contemporanee derive del terrorismo islamico o le grottesche pratiche delle varie sette, ma anche i movimenti e gli occultamenti della nostra interiorità. Il desiderio di senso che i nostri giovani cercano nello sballo, l’insofferenza nei confronti di un orizzonte di significati che si esaurisce nel contingente, forse possono trovare risposte o chiavi di lettura o strumenti educativi in una formazione spirituale che sappia parlare anche agli atei o a coloro che pensano di esserlo. Il libro tenta di percorrere questa strada.

Prezzo:
€ 12.00
Pagine:
122
Collana:
Leggereescrivere
Pubblicazione:
Gennaio 2018

Condividi su Facebook: