Soldati italiani in Libia.

Soldati italiani in Libia.
Trauma, scrittura, memoria (1911-1912).

Autore
Graziano Mamone (1984), è dottore di ricerca in Storia Contemporanea. Collabora con l’Archivio Ligure della Scrittura Popolare di Genova, l’Istituto di Studi Storici Postali di Prato ed è membro del comitato scientifico dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Imperia. Svolge attività didattica e di ricerca presso l’Università di Genova e recentemente ha pubblicato Guerra alla Grande Guerra. La galassia dissidente tra Basso Piemonte, Liguria di Ponente e Provenza. 1914-1918 (Fusta, 2016).

Opera
Il 29 settembre 1911 l’Italia di Giolitti dichiara guerra all’Impero ottomano per conquistare la Libia. Soltanto nel primo anno di ostilità oltre centomila soldati vengono sbarcati sulla Quarta Sponda. Ha inizio un conflitto che si rivelerà ben più lungo e difficile del previsto. Per molti fanti catapultati in quell’inedito massacro l’ultima trincea rimane la scrittura. Favoriti da una crescente alfabetizzazione e da un servizio di posta militare efficiente, i soldati arrivano a produrre migliaia e migliaia di testi. Solo una piccola parte di questi, conservati in archivi pubblici e privati, è giunta sino a noi: dentro ed attorno alle scritture i militari hanno costruito la propria identità, resistito alla spersonalizzazione, veicolato o talvolta demolito stereotipi ed immaginari coloniali. Questo volume fa emergere i complessi rapporti tra vissuto e memoria, nell’ambito di un conflitto che ha segnato una svolta per le vertiginose ambizioni di potenza italiane.

Prezzo:
€ 20

Pagine:
390

Collana:
Biblioteca di Storia Contemporanea

Pubblicazione:
Luglio 2016

Condividi su Facebook:

Percorsi di sviluppo normale e patologico in età evolutiva.

Percorsi di sviluppo normale e patologico in età evolutiva.

Autore
Lorenza Di Pentima è ricercatrice in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione presso la Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione dell’Università “Sapienza” di Roma ed è Professore Aggregato di Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione nonché di Psicologia delle Relazioni Intragruppo e Intergruppo presso il Dipartimento di Scienze Sociali ed Economiche. È autrice di pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali e internazionali concernenti le interconnessioni tra l’attaccamento e i processi di sviluppo normale e patologico (disturbi del comportamento alimentare, maltrattamento infantile), le relazioni interetniche, gli stereotipi e i pregiudizi nei bambini e negli adolescenti. Per le Edizioni Unicopli ha pubblicato il volume Culture a confronto. Relazioni, stereotipi e pregiudizi nei bambini (2006).Opera
Il percorso di crescita di ciascun individuo è l’esito di un insieme di determinanti, la cui combinazione, unica ed irripetibile, può sfociare in un adattamento funzionale, connotato dalla capacità di svolgere i compiti specifici della propria fase di sviluppo, oppure in forme di non adattamento, che trovano la loro espressione nell’età evolutiva in manifestazioni di disagio emotivo e/o comportamentale, le quali possono rappresentare un impedimento serio allo svolgimento delle attività della vita quotidiana. Il volume vuole ricondurre l’attenzione su alcuni fattori, ritenuti importanti per ciò che concerne la qualità dello sviluppo sia in infanzia sia in adolescenza.

Prezzo:
€ 18

Pagine:
255

Collana:
Psicologia dello sviluppo sociale/clinico

Pubblicazione:
Luglio 2016

Condividi su Facebook:

Scritture non comuni.

Scritture non comuni.
Una fonte per la storia contemporanea.

Autore
Fabio Caffarena insegna Storia contemporanea, Didattica della storia e Teorie della conoscenza storica all’Università di Genova. È direttore dell’Archivio Ligure della Scrittura Popolare (ALSP).

Opera
Questo libro si rivolge a chi intende utilizzare lettere, diari, memorie e autobiografie nell’ambito di un percorso di ricerca o come strumenti didattici. Partendo da alcune definizioni (scrittura popolare, gente comune), il testo descrive i principali lineamenti delle fonti, affronta questioni di metodo e delinea una mappa concettuale, tematica ed informativa utile per mettersi sulle tracce d’inchiostro di testimoni e testimonianze non comuni dell’età contemporanea.

Prezzo:
€ 14

Pagine:
163

Collana:
Prospettive

Pubblicazione:
Luglio 2016

Condividi su Facebook:

Business Chinese Test (B).

Business Chinese Test (B).
Preparazione e simulazione d’esame.

Autori
Zhigang Jin, Clara Bulfoni.

Opera
Da quando, nel 2014, l’esame “New Business Chinese Test” (BCT) è stato ufficialmente divulgato ha ottenuto un unanime apprezzamento da parte di tutti gli Istituti Confucio. Il “New Business Chinese Test” è un esame internazionale standard della lingua cinese principalmente rivolto a verificare le competenze di discenti non madrelingua che, in ambito di business o di lavoro generico, utilizzano il cinese per le comunicazioni. L’esame dà precedenza all’uso pratico della lingua negli ambiti della comprensione e della produzione orale in ambiente lavorativo, cercando di rispecchiare situazioni reali sul posto di lavoro: tramite contenuti che riproducono scambi linguistici effettivi, viene testata la capacità del candidato di utilizzare la lingua cinese in contesti lavorativi.

Prezzo:
€ 25

Pagine:
255

Collana:
Materiali universitari

Pubblicazione:
Luglio 2016

Condividi su Facebook:

Educatori di professione.

Educatori di professione.
Letture oblique dell’esperienza e orientamenti per il futuro.

Curatore
Luciano Pasqualotto, Dottore di ricerca in Pedagogia e formatore, già direttore della Scuola Universitaria di Specializzazione per le Attività di Sostegno (sede di Padova) e professore a contratto alle Università di Venezia e Cattolica di Milano, attualmente insegna all’Università di Verona. Dirige la rivista on line “Educare.it”. I suoi interessi di ricerca sono orientati ai mondi della scuola, della disabilità e delle dipendenze, cui ha dedicato i suoi ultimi libri.Opera
Gli educatori di professione nascono negli anni Ottanta, sulla spinta di un’apertura al territorio che ha visto coinvolti sia Servizi tradizionali di cura sia le strutture che via via sorgevano in risposta a bisogni ed istanze fino ad allora disattese dal Sistema socio-sanitario. A circa 30 anni dagli albori della professione, il libro esplora le storie di decine di educatori di lunga esperienza, cercando di fare emergere vissuti e desideri, luci e ombre nel lavoro quotidiano con la disabilità adulta, la malattia psichiatrica, le dipendenze patologiche, i minori e le famiglie, gli adulti e la comunità, gli anziani. Con un approccio fenomenologico e narrativo, gli educatori autori di questo volume hanno cercato di scrutare “dietro le quinte” della professione, raccontando ciò che per abitudine o per impostazione epistemologica in genere sfugge, quella “vita che sta dentro” il lavoro educativo, gli aneliti e le fatiche di cui è intriso il quotidiano. L’obiettivo del libro è quello di individuare alcuni elementi in grado di sostenere la specificità, l’attualità e la dignità di questa professione.

Prezzo:
€ 13

Pagine:
140

Collana:
Chiaroscuri

Pubblicazione:
Settembre 2016

Condividi su Facebook:

Zhongguo Jizhe.

Zhongguo Jizhe.
Giornalisti cinesi: linguaggio e identità professionale.

Autore
Emma Lupano, dottore di ricerca in Culture, civiltà e società dell’Asia e dell’Africa all’Università La Sapienza di Roma (2011), è assegnista di ricerca in lingua e cultura cinese presso il Dipartimento di Scienze della Mediazione linguistica e di Studi interculturali dell’Università degli Studi di Milano. È giornalista professionista iscritta all’Ordine dei giornalisti della Lombardia.

Opera
Questo volume è il frutto di una ricerca sul campo svolta tra il 2008 e il 2015 che è consistita nella raccolta di interviste orali in cinese a giornalisti freelance, redattori e studiosi di media in Cina. Dal corpus costituito dalle trascrizioni e dalle traduzioni in italiano di tali interviste nasce una selezione di testi presentati e commentati in questo volume con l’obiettivo di portare alla luce, da una parte, i riferimenti a problemi, temi e aspirazioni comuni di una comunità di discorso e, dall’altra, il ricorrere di espressioni, parole chiave, formule e metafore condivise. Gli elementi discorsivi e lessicali identificati rafforzano l’ipotesi del rinsaldarsi di un’identità professionale condivisa tra le diverse figure che operano nel settore dei media in Cina oggi. Un risultato che appare rilevante soprattutto perché tale identità professionale ha dovuto ridefinirsi negli ultimi decenni in seguito alle riforme che hanno investito i media cinesi e alla diffusione sempre più ampia di forme di collaborazione esterna dei giornalisti cinesi alle testate su cui scrivono.

Prezzo:
€ 13

Pagine:
140

Collana:
Materiali universitari

Pubblicazione:
Settembre 2016

Condividi su Facebook:

Dal ludimagister al maestro elementare.

Dal ludimagister al maestro elementare.
Le scuole in Liguria tra Antico Regime e Unità d’Italia.

 

Autori
Marcella Bacigalupi e Piero Fossati si occupano di storia dell’educazione e della scuola. Tra le loro pubblicazioni vi sono studi sui processi di acculturazione scolastica (M. Bacigalupi, P. Fossati, Da plebe a popolo. L’educazione popolare nei libri di scuola dall’Unità alla Repubblica, Firenze, La Nuova Italia, 1986, ristampa anastatica Milano, Pubblicazioni dell’I.S.U. Università Cattolica, 2000), sulla storia degli insegnanti tra le due guerre (P. Fossati, I maestri del regime. Storia di un maestro nell’Italia fascista, Milano, Unicopli, 2009), sulle pratiche e il vissuto dei processi educativi attraverso la ricostruzione delle fatiche scolastiche di un maestro elementare che era anche poeta e intellettuale di primo piano (M. Bacigalupi, P. Fossati, Giorgio Caproni maestro, introduzione di Luigi Surdich, Genova, il melangolo, 2010), e sul rinnovamento della scuola in età preunitaria (M. Bacigalupi, Una scuola del Risorgimento. I Collegi Convitti Nazionali del Regno Sardo tra progetto politico e esperimento educativo(1848-1859), Milano, Unicopli, 2010).

Opera
Il volume si propone di ricostruire la storia delle molteplici forme di insegnamento che si sono affiancate e succedute sul territorio ligure dall’Età moderna alla metà del secolo XIX, con l’attenzione rivolta non solo alla città capoluogo ma anche ai borghi grandi e piccoli delle Riviere e dell’entroterra. Molti furono invece i momenti di contrazione e di stasi, le parziali riprese, le deviazioni verso nuovi significati e nuove direzioni. Figura tipica degli inizi dell’Età moderna è quella del ludimagister, il maestro di scuola che nelle comunità impartiva a chi voleva e poteva permetterseli i rudimenti del leggere e scrivere in latino proseguendo eventualmente con la lettura degli autori. Al termine di un percorso di circa tre secoli il magister si è specializzato nelle diverse funzioni di professore delle varie discipline degli studi secondari e di maestro elementare, il personaggio più rappresentativo dell’esito della vicenda, protagonista dell’alfabetizzazione del popolo che lo Stato si impegnava a diffondere, riservando il latino ai giovani destinati a formare le future élites dirigenti.

Prezzo:
€ 30

Pagine:
640

Collana:
Testi e studi

Pubblicazione:
Settembre 2016

Condividi su Facebook:

Avevi mai incontrato una come me?

Avevi mai incontrato una come me?

 

Autore
Chiara Cristilli, nata a Napoli nel 1981, è giornalista free lance e vive a Milano. Ha scritto per Rassegna Sindacale, Style.it e Next HR&Management. Collabora al progetto Dedalus Arianna, promosso dall’Ufficio Politiche Internazionali della Cgil Lombardia, creato per favorire la conoscenza dell’attività sindacale svolta in ambito internazionale. I suoi racconti sono visibili nella sezione Storie dai CAE, all’indirizzo: http:// www.unionsnetworksindacale.eu. Questo è il suo primo libro.

Opera
Marlene, che nella vita si fa guidare dal desiderio. Ana, giunta in Italia dalla Romania. Il figlio da crescere, la violenza, la grinta ritrovata grazie a un esproprio proletario. Rosy ha scelto di fare l’operaia per capire meglio suo marito. Antonella ha imparato il rispetto per le persone dal nonno. Isabella sa ascoltare. Una chiacchierata con lei, e i lavoratori rinnovano la tessera della Cgil. Carmen detesta il suo paese natale. Giusy adora la storia del movimento femminista… Venti sindacaliste per venti racconti. Tanti ne contiene il libro, nato nell’ambito di un percorso di azione positiva promosso dalla Camera del Lavoro di Milano, e gestito dall’Ufficio Formazione. Tutto è cominciato in un’aula, per proseguire nei luoghi più diversi: bar, asili nido, centri commerciali, musei. Ovunque le protagoniste di queste pagine abbiano voluto condurre l’autrice, condividendo attimi e pensieri. Quelle che il lettore ha tra le mani sono storie minime, fatte di ambizioni, contraddizioni, speranze. Storie amare, a volte, ancorate a una metropoli dispensatrice di sogni e durezza, mai ingenerosa.

Prezzo:
€ 14

Pagine:
140

Collana:
Metropolis

Pubblicazione:
Settembre 2016

Condividi su Facebook:

Storia e politica.

Storia e politica.
Annali della Fondazione Ugo La Malfa.

Curatore
La Fondazione Ugo La Malfa

Opera
La Fondazione Ugo La Malfa è stata costituita il 18 aprile 2001 ed ha ottenuto il riconoscimento giuridico il 6 novembre 2001. È iscritta all’Anagrafe delle Onlus dal 31 maggio 2012. Essa fa seguito nella sua attività all’Istituto Ugo La Malfa sorto nel 1980 per volontà degli eredi e di un gruppo di amici dello statista, tra i quali si annoveravano Francesco Cingano, Enrico Cuccia, Giovanni Spadolini, Leo Valiani. Ne ha ereditato il patrimonio librario e archivistico, ulteriormente accrescendoli e potenziandoli.

Prezzo:
€ 20

Pagine:
295

Collana:
Annali 2015

Pubblicazione:
Settembre 2016

Condividi su Facebook:

A Milano non fa freddo.

A Milano non fa freddo.

Autore
Giuseppe Marotta (Napoli 1902-1963), come spesso capita agli scrittori che godono dell’apprezzamento di un vasto pubblico, non ha beneficiato di un altrettanto solido sostegno da parte della critica, né da vivo né, tanto meno, dopo la morte. Autodidatta, si è imposto come scrittore grazie a L’oro di Napoli (1947). Marotta rappresenta l’archetipo dell’operatore culturale nella nascente società di massa: il suo è il profilo del letterato “multi-project”, diviso fra editoria e giornalismo, fra teatro, cinema e canzonette, fra elzeviro e romanzo. Fra vocazione artistica e necessità di un salario. Un poligrafo in grado di miscelare l’intrattenimento spassoso con acute verità e una rigorosa ricerca espressiva.

Curatore
Luca Daino è docente a contratto di Letteratura e cultura nell’Italia contemporanea presso l’Università degli Studi di Milano. Si occupa di letteratura italiana novecentesca: ha pubblicato una monografia su Franco Fortini (Unicopli, 2013) e saggi sulla poesia (R. Baldini, Quasimodo, Raboni, Risi) e sulla narrativa (Bianciardi, Buzzati, Celestini, Faletti, Giordano, Piccolo, Tadini, Testori). Collabora a «Tirature», l’annuario diretto da Vittorio Spinazzola.

Opera
Ventidue racconti riuniti in volume per la prima volta nel 1949, ambientati a Milano a cavallo della Seconda guerra mondiale, fra il 1927 e il 1948. Seguiamo le tracce di un immigrato napoletano, aspirante letterato, schietto alter ego dell’autore, trasferitosi al Nord in cerca di impiego nel mondo dell’editoria e del giornalismo. Anche in quel ventennio Milano sapeva essere fredda, anzi freddissima, metaforicamente e non. Ma il nostro protagonista, che pure deve affrontare svariate vicissitudini, prima fra tutte la miseria, osserva la città con occhi scanzonati e affettuosi, che indugiano sui particolari che rivelano gioie inattese. Il suo è lo sguardo fiducioso del lavoratore incantato dalla città del fare, che tante opportunità sa offrire. Per questo nella sua Milano “non fa freddo”. Il libro è un mix agrodolce di malinconia e divertimento, di raffinatezza e semplicità. È l’estremo atto d’amore rivolto da Marotta alla sua città d’adozione, prima che il turbinio del miracolo ne mutasse per sempre il volto. Uno dei più tardi omaggi al mito declinante della Milano “capitale morale” del lavoro.

Prezzo:
€ 18

Pagine:
260

Collana:
Leggereescrivere

Pubblicazione:
Ottobre 2016

Rassegna stampa:

La Repubblica/Milano (07-05-2017)

Condividi su Facebook: