Un conduttore in cattedra

UN CONDUTTORE IN CATTEDRA
Il bullismo raccontato ai ragazzi

 

Autore

Nicolò Barretta (Mantova, 1986). Laureato in Filologia Moderna, è docente di materie letterarie nelle scuole secondarie e in ambito accademico. È inoltre giornalista pubblicista, critico cinematografico e saggista. Ha lavorato in qualità di redattore per alcune produzioni televisive. È coautore di diversi saggi tra cui “La signora della tv. Fenomenologia di Maria De Filippi” e “La televisione che insegna a vivere” (Edizioni Unicopli). Nel 2010 è vincitore del Premio Scuola Holden come miglior recensione narrativa nell’ambito del Premio Adelio Ferrero.

Opera

Un conduttore in cattedra è un racconto illustrato per ragazzi dai 10 ai 14 anni ad alta leggibilità che nasce dalla volontà dell’autore di affrontare le tematiche del bullismo e della diversità, attraverso una storia al contempo semplice ed emozionante, scritta con un linguaggio chiaro e diretto. Al centro dell’intreccio il legame speciale che si instaura tra Giulio, un giovane professore al suo primo incarico e il suo allievo dodicenne Lucas, entrambi accomunati da un passato doloroso. Fa da sfondo l’universo scolastico, ritratto con gli occhi di un docente anticonformista che, con le sue idee innovative, cercherà di aiutare la sua classe a superare una situazione complicata. Il volume, pubblicato per la prima volta nel 2016, è ora qui proposto in una nuova versione aggiornata e arricchita da una esclusiva traduzione in lingua inglese. Per la sua particolare attenzione per gli aspetti educativi e didattici si presta pertanto ad essere adottato presso le istituzioni scolastiche di primo e secondo grado.

 Prezzo
€ 15.00

Collana

Fuori collana

Pagine
181

Pubblicazione
Settembre 2021

Condividi su Facebook:

L’isola dove non si nasce

L’ISOLA DOVE NON SI NASCE
Lampedusa tra esperienze procreative, genere e migrazioni

 

Autore

Chiara Quagliariello, dottoressa di ricerca in Antropologia, è attualmente titolare della borsa Marie Skłodowska-Curie presso l’EHESS di Parigi e la City University di New York. Ha svolto incarichi di insegnamento e di ricerca presso l’Istituto Universitario Europeo di Fiesole, il Laboratorio di Diritti Fondamentali di Torino, l’Università Milano-Bicocca e il Max Planck Institute for Social Anthropology di Halle. I suoi temi di ricerca includono l’evento nascita, la salute riproduttiva, le disuguaglianze di genere, classe ed etnia, le migrazioni femminili dal continente africano.

Opera

A partire da un lavoro di ricerca etnografica e di ricerca d’archivio, il libro analizza il tema della nascita e le numerose complessità del diventare madre in uno dei territori ultra-periferici d’Italia, ed oggi corrispondente ad una delle frontiere meridionali d’Europa: l’isola di Lampedusa. Nella prima parte del libro si esaminano le caratteristiche delle esperienze di gravidanza, parto e post-parto tra diverse generazioni di donne dell’isola. La seconda parte del libro si concentra, invece, sui vissuti di donne migranti di origine sub-sahariana accolte in stato di gravidanza a Lampedusa. Attraverso uno studio diacronico e di tipo comparativo il libro evidenzia come vivere la gravidanza e il parto lontano dalla propria terra di origine sia un fenomeno che accomuna le due popolazioni di donne studiate dove il confronto con l’Altro costituisce un’occasione per riflettere sulla storia dell’assistenza al parto a Lampedusa.

 Prezzo
€ 22.00

Collana

Biblioteca di studi antropologici

Pagine
302

Pubblicazione
Settembre 2021

Condividi su Facebook:

Accompagnare l’adozione

ACCOMPAGNARE L’ADOZIONE
Percorsi formativi per la genitorialità adottiva  

 

Autore

Alessia Tabacchi è dottore di ricerca in Scienze della persona e della formazione presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si occupa, in particolare, di temi inerenti alla pedagogia della famiglia e alla pedagogia sociale, collaborando da più di un decennio con il Centro studi Pedagogici sulla vita matrimoniale e familiare (sede di Brescia). Insegnante, pedagogista e formatrice in ambito socio-educativo, è autrice della monografia L’educatore a domicilio. Tra riflessività e buone prassi (Educatt, 2018).

Opera

L’analisi della letteratura scientifica e del contesto adottivo rivelano zone d’ombra nella ricerca interdisciplinare, in particolare rispetto al periodo pre-adottivo, e una esiguità di contributi provenienti dall’area pedagogica. Il presente lavoro si prefigge, pertanto, di indagare, nell’orizzonte della pedagogia della famiglia, l’accompagnamento da offrire ai coniugi che si accostano all’adozione. In una costante circolarità fra teoria e prassi, si è scelto di coinvolgere alcuni genitori adottivi in interviste semi-strutturate, per raggiungere una più profonda comprensione dell’oggetto di ricerca e rinvenire elementi utili alla definizione epistemologica e contenutistica del discorso pedagogico sull’adozione. Lo studio si propone di indagare l’articolazione e il consolidamento della scelta adottiva dentro il progetto di vita familiare, di rintracciare le peculiarità educative sottese alla genitorialità e filiazione adottiva e di individuare percorsi di accompagnamento educativo per la famiglia adottiva.

 Prezzo
€ 17.00

Collana

Educazione tra adulti

Pagine
297

Pubblicazione
Settembre 2021

Condividi su Facebook:

Lo specchio delle creature

LO SPECCHIO DELLE  CREATURE

 

Autore

Svevo D’Onofrio è docente di Lingua e Letteratura Sanscrita presso l’Università di Bologna. I suoi principali ambiti di ricerca sono la letteratura indo-persiana e l’interazione fra le tradizioni intellettuali indiane e islamiche nel Sudasia, con particolare riferimento alle traduzioni in persiano dei testi sanscriti. Ha curato i quattro volumi della collana ‘Uy)n al-AkhbarStudi sul mondo islamico e ha pubblicato articoli e traduzioni sulla ricezione del pensiero indù nell’India islamica. Con F. Speziale ha fondato il progetto Perso-Indica (www.perso-indica.net) e curato La congiunzione dei due oceani di Dara Šikōh (Adelphi, 2011).

Opera

Lo specchio delle creature è un singolare trattato in lingua persiana redatto nel 1632 dal sufi e dotto indiano ‘Abd al-Rahman Cišt¤. È un’opera assolutamente unica nel suo genere per l’audacia dell’invenzione narrativa dispiegata dall’autore. Ricorrendo all’espediente del “manoscritto ritrovato”, egli afferma di avere individuato, dopo lunghe ricerche, un testo sanscrito contenente un’antica profezia enunciata da ßiva all’alba dei tempi. Il dio indù vi avrebbe predetto la creazione di Adamo, la missione di Muhammad, l’avvento dell’Islam in India e tutti i principali eventi della storia sacra islamica fino al Giorno del Giudizio. Lo specchio delle creature non sarebbe altro che la traduzione “senza alcuna aggiunta” di quel testo sanscrito, che gli indù, “per l’eccesso di fanatismo della loro religione”, avrebbero tenuto nascosto per millenni. Dèi ed eroi, re e sapienti della mitologia indiana si trovano così reinterpretati in chiave islamica e presentati come agenti della divina Provvidenza. Ma sotto il velame del suo artificio narrativo, ‘Abd al-Rahman ricorre ad un’articolata strategia di inclusione e sussunzione gerarchica dell’induismo, finalizzata a presentare l’islam quale culmine e superamento della religione vedica e, al tempo stesso, a ricondurre l’induismo entro il paradigma monoteista, creazionista e profetico dell’islam, tramite un uso inventivo degli stessi testi indù. Questa versione del Mir’at al-maïl)qat, la sua prima traduzione integrale in un’altra lingua, è basata su sei manoscritti del testo originale individuati e collazionati dal curatore in varie biblioteche in Europa e in Asia.

 Prezzo
€ 13.00

Collana

Biblioteca di studi sull’India

Pagine
101

Pubblicazione
Settembre 2021

Condividi su Facebook:

Corso di sanscrito

CORSO DI SANSCRITO

Autore

Carlo Della Casa (1925-2014), studioso di lingua e letteratura sanscrita nonché di religioni e filosofie dell’India, esaminò in modo particolare il pensiero delle Upanisad e il Giainismo. In qualità di professore ordinario, insegnò presso l’Università degli Studi di Palermo e l’Università degli Studi di Milano, dove fu anche, per oltre vent’anni, Direttore dell’Istituto di Glottologia e Lingue Orientali. Fu Presidente onorario dell’Associazione Italiana di Studi Sanscriti (AISS).
Alessandro Passi ha insegnato sanscrito come professore associato presso l’Università di Bologna fino al 2011.
Marco Franceschini è professore associato di sanscrito all’Università di Bologna.

Opera

Il Corso di sanscrito di Carlo Della Casa è un manuale pensato per chi si accosta con serie intenzioni allo studio della complessa, magnifica lingua sacra e profana dell’India antica. Il manuale si divide in due parti. Nella prima parte viene presentata, in maniera mirabilmente chiara e concisa, l’intera grammatica della lingua sanscrita: fonetica, morfologia, elementi indeclinabili del discorso, formazione delle parole, composizione nominale. La seconda parte si compone di un eserciziario graduato e di una selezione di brani e racconti brevi tratti da opere della letteratura sanscrita. Questi ultimi sono preceduti da un’introduzione alla scrittura devanagara e sono proposti nel volume in tale scrittura, affinché lo studente possa esercitarsi nella sua comprensione. Il Corso si chiude con un utile Vocabolario, costruito sui testi degli esercizi e dei brani.

 Prezzo
€ 20.00

Collana

Biblioteca di studi sull’India

Pagine
165

Pubblicazione
Agosto 2021

Condividi su Facebook:

Dialogo sovra i massimi sistemi

DIALOGO SOVRA I MASSIMI SISTEMI

 

Autore

Paolo Aldo Rossi (1946) è laureato in filosofia e in matematica. Già professore ordinario di Storia del pensiero scientifico nell’Università di Genova, ha insegnato anche Filosofia della scienza, Storia delle matematiche, Storia del pensiero scientifico in età moderna e Storia e comunicazioni scientifiche. Attualmente è direttore di tre riviste scientifiche, direttore di tre collane di filosofia nonché General Editor di Storia d’Italia (Bramante). Ultime pubblicazioni: Galileo Galilei, Sidereus Nuncius (traduzione e note) 2020; Metamorfosi dell’idea di natura e rivoluzione scientifica, 2020; Sulle punte della forchetta, 2021.

Opera

Il volume era pronto, per i tipi del Landini di Firenze, ai primi del 1632, quando il Sant’Uffizio ingiunse al tipografo di sospenderne la vendita e a Galileo di non diffonderne altri esemplari. Il Dialogo si svolge in quattro giornate. Nella prima, incentrata sul confronto tra sistema copernicano (eliocentrico) e aristotelico-tolemaico (geocentrico), si sostiene la validità della teoria copernicana, mostrandone anche la maggiore semplicità rispetto alle complicazioni del sistema di Tolomeo: naturalmente l’astronomo, lo scienziato deve aver fiducia nella propria esperienza e nella propria ragione, che è simile a quella divina in quanto a capacità d’intendere, almeno intorno a certi soggetti limitati, l’assolutezza e la necessità del vero, e non deve cedere all’autorità di alcuno. Questo tema introduce la seconda giornata, dove si enuncia, con il famosissimo esempio della nave, il principio galileiano di relatività classica. Nella terza giornata Galilei interpreta le sue scoperte astronomiche in funzione di dimostrazioni della teoria copernicana. Nella quarta, Galileo, nel tentativo di trovare una irrefutabile prova meccanica del moto diurno della Terra, spiega il flusso e reflusso del mare con le diverse velocità, accelerate o ritardate, dei vari punti della superficie terrestre. Anche con qualche inevitabile errore scientifico, l’opera è ugualmente meravigliosa per il contenuto e vieppiù per il rigore e la coerenza metodologica con cui è condotta. Se pur condannata nel processo del 1633, essa ebbe larghissima diffusione, specie all’estero, e già nel 1635 ad Augsburg per i tipi degli Elzeviri ne usciva la traduzione latina a cura di Mattia Bernegger, con una citazione di Seneca sul frontespizio: Inter nullos magis quam inter Philosophos esse debet aequa libertas.

 Prezzo
€ 25.00

Collana
Vette filosofiche

Pagine
514

Pubblicazione
Agosto 2021

Condividi su Facebook:

Edmondo De Amicis  

EDMONDO DE AMICIS

Autore

Matteo Grassano è assegnista di ricerca in Linguistica italiana all’Università degli Studi di Bergamo. I suoi interessi scientifici vertono principalmente sulla storia della lingua, della letteratura e della linguistica italiana del XIX e del XX secolo. È autore di due monografie: La prosa parlata. Percorsi linguistici nell’opera di Edmondo De Amicis (2018) e Il territorio dell’esistenza. Francesco Biamonti (1928-2001) (2019).

Opera

Da diversi decenni la critica ha avviato un processo di rilettura complessiva dell’opera di Edmondo De Amicis, uno tra gli scrittori più prolifici e popolari del secondo Ottocento. Questa antologia propone per la prima volta una scelta ampia e articolata di testi che, come spiega Matteo Grassano nel saggio di apertura, guidano il lettore alla scoperta della ricchezza della produzione deamicisiana e permettono un suo migliore inquadramento storico: bozzettista, inviato speciale per i giornali, scrittore odeporico, poeta, narratore del mondo scolastico, militante socialista, studioso della lingua di orientamento manzoniano, De Amicis fu un autore versatile e profondamente immerso nella contemporaneità del suo tempo. Attraverso i brani qui raccolti, sempre preceduti da mirati cappelli introduttivi e seguiti dalla bibliografia critica, sarà così possibile riscoprire il percorso letterario dello scrittore e il suo sguardo sulle principali questioni sociali, culturali e politiche che caratterizzarono il neonato Stato italiano nel XIX secolo, dall’annessione di Roma alla tragedia dell’emigrazione, dallo sviluppo del socialismo alla problematica dell’alfabetizzazione e dell’unificazione linguistica.

 Prezzo
€ 20.00

Collana
Atlante

Pagine
302

Pubblicazione
Agosto 2021

Condividi su Facebook:

Adolescenza e compiti di sviluppo

ADOLESCENZA E COMPITI DI SVILUPPO
Terza edizione ampliata  

Autore

Emanuela Confalonieri è professore ordinario di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione presso la Facoltà di Psicologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Per le Edizioni Unicopli ha curato, insieme a Maria Giulia Olivari, Questioni di cuoreLe relazioni sentimentali in adolescenza: traiettorie tipiche e atipiche.
Ilaria Grazzani è professore ordinario di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione presso il Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione ‘R. Massa’ dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca. Con le Edizioni Unicopli ha curato, insieme a Cristina Riva Crugnola, Lo sviluppo della competenza emotiva dall’infanzia all’adolescenzaPercorsi tipici e atipici e strumenti di valutazione.

Opera

Adolescenza e compiti di sviluppo, in questa nuova edizione aggiornata e ampliata, descrive gli effetti prodotti dai cambiamenti sociali e culturali degli ultimi anni sulla crescita psicologica degli adolescenti, approfondendo le modalità con cui essi affrontano i compiti di sviluppo legati a tale fase del ciclo di vita. Ampio spazio viene dato ai processi di costruzione dell’identità alla luce dei compiti evolutivi che impegnano gli adolescenti sui versanti dello sviluppo fisico-corporeo, cognitivo, emotivo-affettivo e relazionale: corpo, mente, emozioni, affetti e realtà sociale sono infatti i temi intorno a cui ruota il volume, rappresentando gli ambiti privilegiati per la riorganizzazione del sistema del Sé in adolescenza. I percorsi di sviluppo intrapresi dagli adolescenti vengono calati nella realtà culturale che essi vivono, con un’attenzione particolare al passaggio dalla preadolescenza all’adolescenza e uno sguardo verso l’adultità emergente. I ragazzi di oggi, infatti, se da un lato vivono un’anticipazione dello sviluppo puberale e dell’ingresso nella preadolescenza, dall’altro lato ritardano, rispetto al passato, la transizione all’età adulta, anche in relazione ai fattori sociali e culturali che non facilitano l’autonomia dalla famiglia d’origine. Il volume si rivolge a psicologi, pedagogisti, insegnanti, educatori, genitori offrendo strumenti conoscitivi e operativi aggiornati per confrontarsi con le crisi che gli adolescenti incontrano e con gli esiti positivi e negativi dei diversi percorsi di crescita.

 Prezzo
€ 18.00

Collana
Psicologia dello sviluppo sociale/clinico

Pagine
208

Pubblicazione
Giugno 2021

Condividi su Facebook:

Una cultura professionale per la polizia dell’Italia fascista

UNA CULTURA PROFESSIONALE PER LA POLIZIA DELL’ITALIA FASCISTA
Antologia de “Il magistrato dell’ordine” (1924-1939)  

Autore

Nicola Labanca insegna Storia contemporanea all’Università di Siena. È Presidente del Centro Interuniversitario di Studi e Ricerche Storico-Militari.
Michele Di Giorgio è assegnista di ricerca in Storia contemporanea presso l’Università di Siena. È autore di Per una polizia nuova. Il movimento per la riforma della Pubblica Sicurezza1969-1981 (2019).

Opera

Come si conciliò la cultura professionale della polizia con un regime totalitario quale quello fascista? Quanto e come il fascismo cambiò la polizia? Le fonti prodotte dalle istituzioni poliziesche – rapporti, relazioni, schedature ecc. – sono molto usate dagli storici. Ma troppo raramente questi si sono interessati alla vita della polizia come istituzione dentro il Ventennio. Grande attenzione è tradizionalmente portata ad alcuni suoi reparti speciali (si pensi all’OVRA) ma ancora troppo poco ne sono stati oggetto di studio l’organizzazione, il funzionamento, il personale, le mentalità. Mettere a disposizione dei lettori e degli studiosi un’antologia de “Il magistrato dell’ordine” – unica rivista scritta da funzionari di polizia per i poliziotti ad essere autorizzata dal fascismo – può dare un importante contributo a conoscere meglio come era fatto, e come era cambiato, uno dei fondamentali strumenti di controllo e di repressione del regime. Può aiutare anche a intendere attraverso quali continuità, e quali discontinuità, dalla polizia dell’Italia liberale si arrivò infine alla polizia della Repubblica e della democrazia. Questo volume prosegue l’indagine sui saperi professionali delle polizie italiane, e quindi sulle polizie stesse, già avviata con la Antologia del “Manuale del funzionario di sicurezza pubblica e di polizia giudiziaria”, 1863-1912 (2015) e con la Antologia del “Bollettino della Scuola di polizia scientifica”, 1910-1939 (2020), nonché con la prima edizione degli scritti di Salvatore Ottolenghi, Una cultura professionale per la polizia dell’Italia liberale e fascista. Antologia degli scritti, 1883-1934 (2018).

 Prezzo
€ 35.00

Collana
Fuori collana

Pagine
523

Pubblicazione
Giugno 2021

Condividi su Facebook:

Una guerra soprannaturale

UNA GUERRA SOPRANNATURALE
Magia, divinazioni e fede nella Prima guerra mondiale

Autore

Owen Davies (1969) è uno dei principali esperti mondiali di storia della magia, della stregoneria e di pratiche occulte nell’Età moderna e contemporanea. È presidente dell’importante Folklore Society e insegna Storia sociale all’Università dell’Hertfordshire. Fra i suoi lavori, diventati punti di riferimento in questi settori di studio, si segnalano Witchcraft, magic and culture 1736-1951, Manchester University Press 1999; Grimoires: A History of Magic Books, Oxford University Press 2009; Paganism: A Very Short Introduction, Oxford University Press 2011.

Opera

Esiste una storia nascosta della Prima guerra mondiale, fatta di spiritismo, divinazioni, profezie e pratiche occulte attuate nei campi di battaglia di tutta Europa. Questa rinascita di credenze e pratiche preoccupava le chiese e coinvolgeva la stampa internazionale, sempre più interessata alle predizioni di astrologi e profeti. Ma gli stessi governi e le autorità militari non esitarono a fare ricorso a indovini e medium. Intanto, sui campi di battaglia e nelle trincee, soldati di tutte le nazioni cercavano di proteggersi con rituali magici e religiosi, mentre la gente comune inseguiva sensitivi e occultisti per aver notizie sul destino dei loro cari lontani. Accanto a questa “epidemia”, l’uso quotidiano del magico continuava ad attraversare le esistenze di chi vi faceva ricorso per aver protezione, amore e successo. Scoprendo le credenze, le pratiche e le opinioni sul ruolo del soprannaturale negli anni della guerra, Owen Davies esplora le questioni più ampie riguardanti la società occidentale del primo Novecento, la psicologia del soprannaturale durante la guerra e la misura in cui la guerra stessa gettò una luce sulla diffusa credenza nella magia.

 Prezzo
€ 20.00

Collana
Maelstrom

Pagine
350

Pubblicazione
Maggio 2021

Condividi su Facebook: