Il testamento di Marco Polo

IL TESTAMENTO DI MARCO POLO
Il documento, la storia, il contesto  

 

Opera
La Biblioteca Nazionale Marciana conserva un documento di straordinario valore storico: il testamento di Marco Polo. Alle ultime volontà dell’illustre viaggiatore era opportuno dedicare, anche a fini di valorizzazione, un corpus di studi aggiornato alle conoscenze più recenti e alle più avanzate tecniche di indagine materiale: oltre a una rigorosa edizione del testo, il volume fa luce sugli aspetti umani, culturali, sociali che le parole di Marco custodiscono o evocano, ma disvela anche le storie che sono conservate dalla stessa pergamena, la sua fattura, la sua redazione, il notaio che la vergò, il passaggio di mano in mano sino a giungere a oggi e alla custodia presso la Biblioteca Marciana. Vicende materiali e trascendenti, quotidiane e straordinarie: la casa, gli oggetti, l’eredità, gli affetti, la devozione, gli echi del viaggio, la favolosa Cina e la Venezia trecentesca. Un vasto mondo che questo volume esplora e consegna a chi legge.

Prezzo
€ 17.00

Collana
Miscellanea Marciana

Pagine
202

Pubblicazione
Gennaio 2019

Condividi su Facebook:

Siracusa

SIRACUSA
Frammenti del viaggiatore visionario  

Autore

Sebastiano Aglieco è nato nel 1961 a Sortino (SR), il paese dei muli della Cavalleria rusticana. Maestro di scuola elementare, ha pubblicato un libro di critica, Radici delle isole, i libri in forma di racconto (La Vita Felice 2009) e diverse raccolte di poesia:Giornata, La Vita Felice 2003; Dolore della casa, Il ponte del sale 2006; Nella Storia, Aìsara 2009, Compitu re vivi, Il ponte del sale 2013; Infanzia resa, Il Leggio 2018. I suoi blog Compitu re vivi (miolive.wordpress.com); Da uno spazio bianco (daunospaziobianco­blog.wordpress.com).

Opera
Siracusa appartiene al novero di quelle città cariche di storia millenaria, oggetto di grandi viaggi e racconti straordinari, fin dall’antichità. Fonte di amori quasi irrazionali e di cogenti delusioni, la sua icona è ricostruibile solo a frammenti, e per approssimazioni. L’autore immagina un viaggio a ritroso verso i luoghi della sua infanzia e adolescenza, al fianco di uno dei più grandi scrittori siciliani che questa città l’ha cantata più di altri in libri struggenti; Vincenzo Consolo. Così i racconti dei luoghi si alternano alle contraddizioni della modernità e il mito si confonde con la grande storia.

Prezzo
€ 15.00

Collana
Le città letterarie

Pagine
160

Pubblicazione
Gennaio 2019

Condividi su Facebook:

Italo Svevo

ITALO SVEVO

Autore

Francesco Gallina (Parma 1992) è Dottorando di Ricerca presso il Dipartimento di Discipline Uma­nistiche, Sociali e delle Imprese Culturali dell’Università degli Studi di Parma. Ha pubblicato studi su Dante, Petrarca e Boccaccio, sulla letteratura toscana tardogotica, sulla letteratura italiana del Novecento e sul teatro contemporaneo. Sotto bella menzogna. Influenze eterodosse e catare nel Convivio e nella Commedia di Dante Alighieri (Helicon, 2017) è il suo ultimo saggio.
Paolo Briganti (Parma 1944) è stato allievo a Bologna di Raffaele Spongano. Ha insegnato e insegna da cinquant’anni Letteratura italiana contemporanea presso l’Università degli Studi di Parma. Si occupa di letteratura italiana del Novecento (poesia, narrativa, letteratura teatrale), soprattutto della prima metà. Sì è occupato variamente di Svevo, in particolare del Profilo autobiografico e del suo misconosciuto teatro.

 

Opera
Non è solo uno pseudonimo: Italo Svevo rappresenta uno dei casi più affascinanti e controversi di tutta la Storia della Letteratura italiana. Mito creato da Ettore Schmitz all’ombra di una Trieste tanto cosmopolita quanto culturalmente claustrofobica, Italo Svevo incarna la figura di un intellettuale fuori dagli schemi, squisitamente antiestetico e anticonvenzionale sul piano narrativo, stilistico e linguistico. Per lungo tempo ignorati, o recepiti dalla critica alla stregua di «un pezzo d’aglio nella cucina di persone che non possono soffrirlo», i suoi romanzi sono degnamente rivalutati solo pochi anni prima che lo scrittore trovi tragicamente la morte, per poi ripiombare nelle tenebre fasciste e riaffiorare nel secondo dopoguerra. Ma Svevo non è solo un romanziere: è anche giornalista, recensore, novelliere, favolista, drammaturgo, diarista. Irredentista in una Trieste asburgica, è prima piccolo impiegato, poi uomo d’affari, violinista solitario, e ancora padre, marito gelosissimo, tabagista incallito, animo instabile, nevrotico, ipocondriaco.

Prezzo
€ 19.00

Collana
Atlante

Pagine
269

Pubblicazione
Gennaio 2019

 

Condividi su Facebook:

Storia e politica

STORIA E POLITICA

Autore

Scopi della Fondazione Ugo La Malfa sono:

– Curare la raccolta e la pubblicazione in edizione critica di tutti gli scritti e discorsi di Ugo La Malfa, ordinare, classificare e predisporre per l’utilizzazione archivistica i documenti, gli appunti, i carteggi e i suoi scritti autografi.

– Promuovere, coordinare e sviluppare ricerche, pubblicazioni e documenti, studi e convegni sul la politica, le istituzioni, l’economia dell’Italia re pubblicana e sui problemi della politica internazionale con particolare riferimento al l’integrazione europea.

– Stimolare il contributo delle correnti di pensiero democratico – liberale alla ricerca di soluzioni per il migliore funzionamento dello Stato e della società italiana.

– Promuovere e organizzare attività volte alla form azione extra scolastica della persona mediante programmi di istruzione dei giovani e degli adulti e di aggiornamento del personale docente.

Opera
La Fondazione Ugo La Malfa è stata costituita il 18 aprile 2001 ed ha ottenuto il riconoscimento giuridico il 6 novembre 2001. È iscritta all’Anagrafe delle Onlus dal 31 maggio 2012. Essa fa seguito nella sua attività all’Istituto Ugo La Malfa sorto nel 1980 per volontà degli eredi e di un gruppo di amici dello statista, tra i quali si annoveravano Francesco Cingano, Enrico Cuccia, Giovanni Spadolini, Leo Valiani. Ne ha ereditato il patrimonio librario e archivistico, ulteriormente accrescendoli e potenziandoli.

Prezzo
€ 23.00

Collana
Annali della Fondazione Ugo La Malfa

Pagine
300

Pubblicazione
Gennaio 2019

 

Condividi su Facebook:

Itinerario d’Italia di Francesco Scotto (1747)  

 ITINERARIO D’ITALIA di Francesco Scotto (1747)  

Autore

Il giureconsulto e scrittore di Anversa Franz Schott (Franciscus Schottus nella forma latinizzata e Francesco Scotto, o Scoto, in italiano), vissuto a cavallo tra il XVI e il XVII secolo, pubblicò (in lingua latina) l’Itinerario d’Italia per la prima volta nel 1600, durante il Giubileo. Questo libro è un resoconto illustrativo delle città italiane, con un percorso geografico e storico-culturale a zig-zag per le strade postali d’Italia, tale da poterlo considerare la prima moderna guida per il viaggiatore. Si può dire che il secolo XVII, con questa pubblicazione, si pone come spartiacque della lettera­tura “odeporica”.

Opera
Le guide per viaggiare nascono in Italia nel Cinquecento. Nel secolo precedente erano stati dati alle stampe gli Itineraria, una sorta di relazioni o resoconti di viaggio redatti da pellegrini che si erano recati nei luoghi della cristianità, ma non esistevano ancora vere e proprie guide, cioè strumenti atti specificamente a orientare i viaggiatori nei loro percorsi. Nel XVI secolo furono stampate delle sintetiche “guide postali”, ad uso dei viaggiatori tipici del tempo, come i corrieri o i trasportatori di mercanzie. Questi libelli riportavano la mera indicazione dei percorsi, con i tempi e i costi di viaggio, le stazioni della posta e le distanze tra di loro. A partire dal Seicento, le guide iniziarono a descrivere le città e i luoghi attraversati, con illustrazioni anche di carattere geografico, dati demografici con il numero degli abitanti, notizie storiche delle località in questione e dei loro illustri personaggi, informazioni di tipo artistico-culturale e anche informazioni di tipo pratico, con consigli utili per il viaggiatore sui percorsi, a volte evidenziati da rappresentazioni grafiche del tragitto e delle città da attraversare.

Prezzo
€ 20.00

Pagine
242

Pubblicazione
Gennaio 2019

 

Condividi su Facebook:

La strada dell’abbondanza

LA STRADA DELL’ABBONDANZA
Consumi e comunismo in URSS ai tempi di Nikita Chrušcëv

Autore

Giovanni Moretto, dottore di ricerca in “Società europea e vita internazionale nell’età moderna e contemporanea”, svolge attività di ricerca e didattica presso l’Università degli Studi di Milano principalmente nell’ambito di Storia dell’Europa Orientale. Si occupa di storia contemporanea sociale e culturale, specialmente russa e sovietica.

Opera
Il periodo della leadership di Nikita Sergeevicˇ Chrušcˇev rappresento per l’Unione Sovietica un momento di forte rinnovamento sociale e culturale. La dirigenza del paese inizio anche a prestare piu attenzione rispetto al passato ai cittadini come consumatori. Era l’audace sogno di abbondanza (izobilie) che caratterizzo quell’epoca di disgelo, di destalinizzazione e di sfida agli Stati Uniti nel campo del benessere. Protagonisti di questo libro sono proprio i consumatori sovietici degli anni 1953-1964, il loro orizzonte quotidiano e i loro sogni di benessere.

Prezzo
€ 18.00

Pagine
290

Collana
Biblioteca di storia contemporanea

Pubblicazione
Dicembre 2018

 

Condividi su Facebook:

Passeggiata dialettica tra le scienze

PASSEGGIATA DIALETTICA TRA LE SCIENZE  

Autore

Évariste Sanchez-Palencia è nato nel 1941 a Madrid e ha fatto una carriera di ricercatore in meccanica teorica e matematica applicata al CNRS, dove è Direttore di Ricerca Emerito. È membro dell’Académie des Sciences di Francia e del Consiglio di Amministrazione del l’Union Rationaliste.

Opera
Sono ben noti i paradossi della scoperta scientifica: spesso quello che si cerca non viene trovato e quello che si trova non era cercato. E purtuttavia, impossibile da pianificare, difficile da gestire, sempre mal considerata, la ricerca avanza. In un testo controverso, al crocevia delle strade della divulgazione, della storia e della filosofia delle scienze, l’autore esplora la natura della conoscenza e della ricerca con il sussidio di un modo di esposizione che fa ampiamente leva sullo strumento dell’analogia. L’accento è posto su un’interpretazione della ricerca che si avvale della dialettica e dei sistemi dinamici, rispettivamente i due quadri generali, filosofico e matematico, dei fenomeni evolutivi a causalità multipla (talvolta contraddittoria) e non istantanea.

Prezzo
€ 15.00

Pagine
441

Collana
Testi e studi

Pubblicazione
Novembre 2018

 

Condividi su Facebook:

Elio Vittorini

ELIO VITTORINI
La ricerca di una poetica  

Autore

Virna Brigatti è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Studi letterari, filologici e linguistici dell’Università degli Studi di Milano. Si occupa di letteratura italiana contemporanea, con attenzione alla critica del testo, ai problemi ecdotici connessi con la trasmissione dei testi del Novecento, alla produzione letteraria nel contemporaneo sistema editoriale. Autrice della monografia Diacronia di un romanzo. Uomini e no di Elio Vittorini (1944-1966) (2016), ha pubblicato diversi saggi in rivista e in volume ed è responsabile editoriale della rivista «Prassi ecdotiche della modernità letteraria».

Opera
La storia della letteratura italiana del Novecento non può evitare di prendere in considerazione l’opera narrativa e l’attività di militanza culturale di Elio Vittorini, soprattutto in rapporto alla sua fisionomia di “letterato editore”. Partendo da questa osservazione, ormai ampiamente acquisita dalla critica letteraria, il volume traccia un percorso che approfondisce le trasformazioni dell’idea di scrittura e di letteratura in Vittorini, ponendo in risalto – in particolare attraverso la rilettura dei suoi scritti di intervento critico, pubblicistico e editoriale – gli sviluppi delle riflessioni di argomento estetico e letterario. Dall’analisi emerge con evidenza come le trasformazioni della poetica di Vittorini restituiscano in filigrana i cambiamenti più significativi del contesto in cui lo scrittore si muove, rivelando l’importanza delle sue pagine, per delineare la cultura e la letteratura del suo tempo. Per questo la lente microscopica dell’indagine qui condotta è anche, nello stesso tempo, un’ampia lente telescopica proiettata sulla letteratura dei decenni centrali del Novecento.

Prezzo
€ 18.00

Pagine
375

Collana
Modernistica

Pubblicazione
Novembre 2018

 

Condividi su Facebook:

La legione Parini

LA LEGIONE PARINI
Gli italiani all’estero e la Guerra d’Etiopia (1935-1936)

Autore

João Fábio Bertonha è professore di Storia presso l’Universidade Estadual de Maringá/PR e ricercatore del CNPq, entrambi in Brasile. Si è addottorato in Storia presso l’Universidade Estadual de Campinas, ed è stato visiting fellow presso l’Università La Sapienza di Roma (2010-2011) e l’USP (2012), dove nel 2014 ha acquisito il titolo di Livre Docente in Storia. Tra il 2014 e il 2015 è stato visiting fellow presso lo European University Institute di Firenze e è specialista in difesa e strategia internazionale (National Defense University, USA). È autore di numerosi libri ed articoli pubblicati sia in Brasile che in diversi paesi d´Europa e delle Americhe.

Opera
La Legione Parini era un’unità militare creata da Piero Parini (1894-1993), direttore della Segretaria Generale dei fasci all’estero, per combattere nella guerra d’Etiopia. La Legione raggruppava migliaia di fascisti italiani che vivevano in Europa, nelle Americhe e in Medio Oriente ed fu inquadrata nella 6a Divisione CCNN Tevere. Questo libro ricostruisce la storia della Legione durante la campagna d’Africa e in particolare la storia dei legionari e loro origini geografi che, sociali e culturali. Particolare enfasi viene data alla memoria circa la Legione costruita dalla macchina di propaganda fascista e alla storia delle diverse comunità italiane da dove i legionari partirono, cercando di capire le loro motivazioni per arruolarsi per combattere in una guerra lontana.  

Prezzo
€ 25.00

Pagine
332

Collana
Testi e Studi

Pubblicazione
Novembre 2018

 

 

Condividi su Facebook:

Premiata Ditta Spranzi Aldo Dal 1932

Premiata Ditta Spranzi Aldo Dal 1932.
Una storia vera con la partecipazione della Scienza, della Madonna, del Diavolo e della Felicità

Autore

Aldo Spranzi. Professore ordinario nell’Università di Milano, è un economista industriale con un ricco curriculum nel campo dell’economia dell’arte. Ha sviluppato e portato a compimento una teoria dell’arte si può dire rivoluzionaria, di cui la sperimentazione ha comprovato la validità. Come tante volte è avvenuto nella scienza, l’innovazione si è messa in moto e sviluppata col concorso determinante di fattori casuali attinenti al percorso esistenziale dell’autore, che in questa pubblicazione sono documentati e analizzati.

Opera
Questa è la storia di uno sconosciuto uomo comune, che in quanto tale non interessa a nessuno. Ma, come insinua il sottotitolo dell’opera, accade qualcosa che trasforma la biografia in un racconto giallo, diciamo un giallo biografico. Qualcosa di anormale, di misterioso succede, anche perché quel che occorre appurare è se sia veramente successo o non si tratti di fantasie. C’è di mezzo la Madonna, il Demonio, e poi la Felicità con la maiuscola che non vuol avere nulla a che fare con la felicità con la minuscola… sovrannaturale o paranormale? Anche qui, come in tutti i gialli, il lettore è chiamato a trasformarsi in detective, in investigatore per giungere al chiarimento di una questione ambigua, nella quale la posta in gioco è alta, al di là della pochezza del protagonista. L’analisi biografica è fondamentale, per cogliere le modalità con cui il caso, sempre attivo nelle innovazioni scientifiche, ha svolto il suo ruolo. Il ‘giallo’ non ha ostacolato ma anzi agevolato la realizzazione di questo obiettivo.  

Prezzo
€ 30.00

Pagine
550

Collana
Fuori collana

Pubblicazione
Novembre 2018

Condividi su Facebook: